Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Governo, Brunetta: azzardo da irresponsabili, sperano che procedura infrazione abbia effetto solo dopo europee

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di red

“Questo Governo di irresponsabili ha portato l’Italia ad uno scontro senza precedenti con l’Unione Europea, che finirà in una bella procedura d’infrazione contro il nostro Paese e che gli italiani pagheranno direttamente di tasca loro. Nonostante tutti gli istituti di previsione internazionali e la Commissione Europea abbiano, infatti, avvertito in ogni modo l’Esecutivo Conte sul fatto che i conti pubblici italiani, per effetto della manovra finanziaria appena presentata a Bruxelles, sono insostenibili e l’hanno invitato più volte a modificarla radicalmente entro martedì prossimo, è ormai chiaro che il Governo è deciso ad andare avanti imperterrito per la sua strada, accettando la procedura di infrazione nella sola speranza che questa produca i suoi effetti soltanto dopo le elezioni europee del prossimo anno. Un azzardo da irresponsabili”. Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile della politica economica di Forza Italia.



Così, il prossimo 21 novembre arriverà la bocciatura ufficiale della Legge di Bilancio e il rapporto sul debito italiano, che certificherà la violazione delle regole europee, al quale seguirà la procedura d’infrazione vera e propria. Le conseguenze sono ormai note a tutti: possibile sanzione pari allo 0,5% del Pil e blocco dei fondi strutturali europei, oltre all’assoggettamento del Paese al braccio correttivo della Commissione, che imporrà misure draconiane contro l’Italia per obbligarla a rispettare il pareggio di bilancio strutturale e la riduzione del debito.



Il primo rischio è quello di una manovra correttiva da oltre 20 miliardi nei primi mesi del 2019. Nel frattempo, i mercati finanziari, il vero giudice inappellabile delle politiche economiche di un Governo, proseguiranno la loro svendita di tutto ciò che è italiano: titoli di Stato, obbligazioni societarie e azioni”.