Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Tragedia Lamezia Terme, padre bimbo: “Solo Dio sa che c’è nel mio cuore”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

Il dolore che prova solo lui può decifrarlo. Lui che ha perso in una sera sola l’amata moglie e i suoi due bambini. Lui che li ha cercati per ore, disperato, prima di chiedere aiuto alle forze dell’ordine e ai soccorsi. Una notte di tempesta, il 4 ottobre, gli ha portato via tutto quello che aveva costruito, una mano di fango ha strappato via le vite di Stefania Signore, 30 anni, e dei suoi figli Cristian (7 anni) e Nicolò (2 anni). Oggi Angelo Frijia ha ritrovato anche il più piccolo dei suoi cuccioli e dopo una settimana di ricerche, in mezzo a quell’uliveto tra le campagne di San Pietro Lametino, si ferma a parlare perché il suo petto è un poco più leggero. Perché ha toccato con mano la generosità dei volontari che non si sono mai arresi e che hanno cercato, insieme ai Vigili del Fuoco e alla Protezione civile, quell’ultimo, piccolo disperso. E vuole ringraziare il cuore buono di una comunità. “È un momento molto difficile per me e solo Dio sa quello che c’è nel mio cuore. Io ho creduto nelle fede di Dio e loro tre sono già qua – dice mostrando il petto all’altezza del cuore – da quando è successo il fatto”. “Ora voglio solo ringraziare tutte le persone, i volontari che si sono offerti per me, gli amici dei dintorni, tutti quanti e specialmente quelli che hanno trovato mio figlio Nicolò perché mi han tolto un peso grandissimo dal cuore. Loro si chiamano Antonio Priamo, che è colui che ha lavorato con l’escavatore e Domenico Trovato. Date una medaglia a queste persone. C’è bisogno di lavorare con gente col cuore”, dice battendosi ancora il petto, prima di andare via.