Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Scuola

Studenti bruciano manichini di Salvini e Di Maio a Torino e abbattono muro di cartone con ministri a Roma

Salvini: devono studiare educazione civica, quello che hanno fatto è una cosa schifosa. Di Maio: vediamoci, non ci dividano i giornali
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Studenti nelle piazze delle città italiane assieme ai migranti per dire ‘no’ alla politica Lega-M5S e per il “diritto allo studio e contro i tagli all’istruzione”. A Napoli denunciano una politica “di odio”, a Roma, a via Marsala, abbattono un muro di cartone con le facce dei ministri e a Torino bruciano manichini raffiguranti i due vicepremier.

Individuati dalla polizia gli studenti che, a Torino hanno dato fuoco ai due manichini raffiguranti Matteo Salvini e Luigi Di Maio nel corso della manifestazione, partita da piazza Arbarello, fino a piazza Castello e  a Palazzo Nuovo.

Duro il commento su twitter del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Questi ‘democratici’ studenti, coccolati dai centri sociali e da qualche professore, avrebbero bisogno di molte ore di educazione civica. Forse capirebbero che bruciare in piazza il manichino di Salvini, e di chiunque altro, o appenderne ai lampioni le immagini è una cosa schifosa”.

Risponde su Facebook invece Luigi Di Maio: “Agli studenti voglio dire vediamoci, venite qui, le porte dei miei ministeri sono sempre aperte”, spiega. “Le manifestazioni si devono sempre fare, andate avanti, so benissimo qual è il valore della pressione sociale e politica pacifica che può fare una manifestazione”. E aggiunge: “Costruiamo insieme una nuova scuola. Prima di tutto dobbiamo avere soldi e risorse per ristrutturare le scuole e dare un compenso nella media europea a tutti gli insegnanti. Non è vero che tagliamo scuola e università, come gira da qualche giorno sui giornali, io non voglio che ci dividano i giornali, vediamoci”.

Notizie correlate