Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Finanza

Le Borse europee in calo dopo il tonfo di ieri di Wall Street. Trump attacca la Fed: “sono impazziti”

Milano perde l'1,2 per cento, stessa sorte per Francoforte e Londra. Spread poco sotto i 300 punti
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Per le borse è effetto domino. Dopo il tonfo della borsa di New York di ieri – il Nasdaq ha registrato una contrazione del 4,44% mentre il Nasdaq Composite ha toccato un -4,08% – è stata la volta di Tokyo (-3,9%), Shanghai (-6%). A pesare sui mercati anche le dure parole del presidente Usa Donal Trump che ieri ha attaccato la Federal Reserve dicendo che “è impazzita” per i troppo frequenti rialzi dei tassi: “La Fed è impazzita – ha detto Trump – non abbiamo un problema di inflazione”. La debolezza che giunge da Wall Street ha contagiato quindi le borse asiatiche che hanno di fatto da apripista per quelle europee. Piazza affari è abbondantemente in rosso sotto il punto percentuale mentre lo spread a 10 anni Btp/Bund galleggia intorno ai 300 punti. Anche Londra ha aperto in calo dell’1,5%, Francoforte 1% in linea con la borsa di Parigi. Sul fronte valute a pagare lo scotto della giornata negativa di ieri è il dollaro Usa con le quotazioni dell’euro sono in rialzo alle prime battute sui mercati. La moneta unica europea passa di mano a 1,1542 dollari contro gli 1,1520 di ieri sera a Wall street. Contro lo yen la moneta unica vale 129,60.

Notizie correlate