Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Migranti

Migranti, Germania ne vuole rispedire 40mila in Italia. Ma gli servono per crescere

I primi di ottobre i partiti politici hanno firmato un accordo. il fabbisogno di manodopera straniera oscilla tra 1.200.000 e 1.600.000 unità. Ma i tedeschi sono insoddisfatti
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

La Germania vuole rispedire in Italia 40mila migranti arrivati dall’Italia. La decisione, sembra essere più presa per motivazioni politiche che per reale necessità. I primi di ottobre infatti, la Cdu di Angela Merkel e i socialdemocratici della Spd hanno raggiunto un accordo concordando l’adozione nel 2019 di una legge per facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro tedesco di stranieri extracomunitari qualificati. Fonti imprenditoriali stimato infatti che il fabbisogno di manodopera straniera oscilla tra 1.200.000 e 1.600.000 unità.

Si tratta di un meccanismo che prevede la concessione di un permesso di sei mesi a chi arriva in Germania in cerca di lavoro che viene automaticamente esteso nel momento in cui lo straniero sottoscrive un contratto. Unica conditio sine qua non è la conoscenza della lingua tedesca. Ma i tedeschi non sembrano esserne felici.



Il 69% dei tedeschi considera negativamente i risultati dell’integrazione dei migranti nella società, mentre solo il 27% degli intervistati ritiene che l’integrazione dei migranti arrivati ​​dal 2015 stia andando bene, secondo quanto riferito dai media locali venerdì, citando i risultati dei sondaggi.

Secondo un’indagine condotta dal canale tedesco ARD TV, la stessa percentuale di tedeschi (69 percento) ha affermato che l’integrazione dei migranti nel mercato del lavoro tedesco lasciava molto a desiderare, mentre il 23 percento dei tedeschi si dichiarava soddisfatto dell’esistente stato di cose

Il sondaggio ha anche rilevato che il 50% degli intervistati ha valutato la sistemazione e la distribuzione dei rifugiati nel paese come “povera” o “piuttosto povera”, mentre il 43% degli intervistati ha espresso un’opinione favorevole riguardo al problema.

Inoltre, una stragrande maggioranza di tedeschi (83%) ritiene che il processo di deportazione dei migranti cui era stato negato l’asilo non fosse ben definito. Quasi il 70% degli intervistati ha espresso insoddisfazione per l’attuazione di misure volte a prevenire la violenza e la criminalità.

Il sondaggio è stato condotto tra 1.502 cittadini tedeschi il 3-5 settembre.

La Germania è diventata uno dei paesi più colpiti dalla crisi migratoria in Europa, scoppiata nel 2015 con un enorme afflusso di persone in fuga dai conflitti armati in Medio Oriente e Nord Africa. La Germania ha attualmente la più grande percentuale di migranti nella popolazione totale – il 12 percento, secondo il World Population Review.

Notizie correlate