Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Francia

Macron ha accettato le dimissioni del ministro dell’Interno: “Governo perfettamente operativo”

Collomb, sindaco di Lione nel 2001-2017, ha dichiarato che potrebbe candidarsi alle elezioni municipali della città nel 2020
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha accettato nella notte le dimissioni rassegnate ieri dal ministro dell’Interno, Gerard Collomb ed ha affidato l’incarico ad interim al premier Edouard Philippe, in attesa di nominare un successore. A metà settembre, Collomb, che è stato sindaco di Lione nel 2001-2017, ha dichiarato che potrebbe candidarsi alle elezioni municipali della città nel 2020.

“Nulla di quanto successo nelle ultime 48 ore ha a che fare con una crisi politica. Lo Stato funziona, il governo è perfettamente operativo”, ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, in apertura del Consiglio dei ministri, poco dopo le dimissioni del ministro dell’Interno e il passaggio di consegne al premier Edouard Philippe. In merito alla decisione di Collomb, il presidente ha ribadito che si è trattato di una “scelta personale dal momento in cui e’ tornato a guardare in direzione di Lione e dei suoi abitanti, non c’era altra soluzione alle dimissioni”.



French President Emmanuel Macron has accepted the resignation of the country’s Interior Minister Gerard Collomb, local media reported on Wednesday.

On Monday, media reported that Collomb tendered his resignation to the French president, who, however, refused to accept it.

According to the BFMTV broadcaster, Macron eventually agreed to allow the interior minister to step down and instructed the country’s Prime Minister Edouard Philippe to find a temporary replacement for the outgoing minister pending the appointment of the new head of the Interior Ministry.

In mid-September, Collomb, who served as the mayor of Lyon in 2001-2017, said that he might run in the city’s mayoral election in 2020. He also stated that in this regard he might leave the ministerial post as early as in 2019.

Notizie correlate