Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Cisl Calabria, Tonino Russo eletto segretario generale

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

Il nuovo segretario generale della Cisl Calabria sarà Tonino Russo, attuale segretario generale del sindaco di Cosenza. L’elezione di Russo sarà formalizzata in mattinata nel corso del consiglio generale della Cisl Calabria, al quale partecipano anche il segretario nazionale, Anna Maria Furlan, e il segretario aggiunto, Luigi Sbarra. Russo subentra alla guida della Cisl regionale a Paolo Tramonti, che nei giorni scorsi si è dimesso essendo stato designato dalla Cisl a un incarico nazionale, quale vicepresidente del Fondo artigianato nazionale.

“Mi attende un ruolo molto impegnativo – ha commentato Russo – perché tra i tanti problemi che vive la Calabria c’è quello principale del lavoro e della qualità del lavoro, perché quel poco che c’è di lavoro è anche è molto precarizzato. C’è quindi da fare tantissimo, ci auguriamo anche la sinergia con le istituzioni locali per vedere come incoraggiare la crescita, indispensabile per la Calabria, come attrarre investimenti pubblici e privati. Quello che non serve più è l’assistenza, che purtroppo ha governato il territorio in tanti anni, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. C’è da fare un grande lavoro insieme, ci auguriamo unitariamente, allargando anche la platea dei soggetti: per questo mi sento di fare un appello alle forze sane della Calabria a unire le forze come mai fatto finora, perché abbiamo l’obiettivo primario di frenare la fuga dei giovani della Calabria. È un danno gravissimo per l’economia e le famiglie, un danno che non possiamo permetterci: circa quattromila giovani abbandonano ogni anno la Calabria, il che significa che ogni anno perdiamo mezzo miliardo di euro, una cifra che finisce con il creare sviluppo altrove. C’è quindi – ha concluso Russo – un grande lavoro da fare: noi vogliamo confrontarci con idee e proposte e speriamo di trovare validi interlocutori. Con il governo regionale, che sta facendo qualcosa il confronto c’è, il problema è come si esce da questo confronto, perché è fondamentale attivare un corale impegno”.

Il segretario uscente Paolo Tramonti ha parlato di “giornata importante per la Cisl calabrese, perché si rinnova il gruppo dirigente nella continuità. Come Cisl – ha aggiunto Tramonti – abbiamo recitato un ruolo da protagonista in Calabria, siamo stati sempre in prima linea sui temi del lavoro, della crescita, dello sviluppo, delle politiche sociali, della legalità. Ritengo che ci sono le condizioni per continuare a fare un buon lavoro: c’è sicuramente bisogno di una maggiore attenzione da parte della politica e delle istituzioni, perché la Calabria ha anche grandi potenzialità e può uscire dalla difficoltà e dai ritardi se si rema tutti insieme. Le opportunità ci sono, è necessario coglierli, come Cisl saremo in campo in questa direzione. Immigrazione e accoglienza sono temi fondamentali e centrali. Ovviamente, c’è massimo rispetto per il lavoro della magistratura, con l’auspicio che al più presto si faccia chiarezza, perché in una regione difficile come la Calabria che però ha dimostrato di saper accogliere, il tema va inserito in una programmazione organica. Vedremo quali saranno gli sviluppi della vicenda, ma sono sicuro che la Calabria manterrà il suo profilo di integrazione e accoglienza, ovviamente in un alveo di piena legalità”.

Soddisfazione anche da parte della segretaria nazionale Annamaria Furlan: “Rinnoviamo il gruppo dirigente, con il segretario uscente Paolo Tramonti che ricoprirà un importante ruolo nella bilateralità a livello nazionale, e con Tonino Russo che è eletto segretario generale del sindacato calabrese. Continuità nella linea dell’organizzazione e capacità di rinnovamento del gruppo dirigente”. Sull’arresto del sindaco di Riace, Mimmo Lucano, Furlan ha aggiunto: “È una vicenda che ha colpito molto ognuno di noi, ovviamente sarà la magistratura a verificare le situazioni com’è giusto che sia. Nel frattempo, non dobbiamo dimenticare che per il Paese l’accoglienza, l’integrazione, il saper vivere e crescere insieme è assolutamente indispensabile”.