Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Calabria, dipendente regionale indagato torna a dirigere: avviata indagine

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

La Guardia di finanza si è presentata martedì mattina alla Cittadella, negli uffici dell’assessore regionale al Personale Maria Teresa Fragomeni per acquisire documenti relativi alla riassegnazione di un incarico dirigenziale a Salvatore Lopresti, ex responsabile del servizio Emergenziale regionale. Lopresti era stato sospeso dal servizio, in via cautelare, il 6 febbraio 2018 dopo essere stato coinvolto nell’inchiesta condotta dalla Procura di Catanzaro su presunti illeciti commessi riguardo un appalto da 100 milioni di euro per il servizio di Elisoccorso regionale.

Lo scorso sette agosto sono state chiuse le indagini relative a questa inchiesta nella quale risultano indagati, oltre a Lopresti; Eliseo Ciccone, dirigente medico dell’Asp di Catanzaro, ex responsabile del Suem 118 nonché coordinatore del servizio di Elisoccorso della Regione Calabria; Leano Bertola, commercial manager e responsabile vendite della Inaer Aviation Italia spa (poi trasformata in Babcock Mcs Italia spa); Monica Mazzei, fleet manager e direttore vendite della Inaer Aviation Italia spa (poi trasformata in Babcock Mcs Italia spa).

L’accusa nei confronti degli indagati è di turbata libertà del procedimento di scelta, per avere – mediante accordi, collusioni, promesse e mezzi fraudolenti – turbato il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando di gara relativo all’affidamento del servizio di Elisoccorso regionale.

Il fine, secondo l’accusa – rappresentata dal procuratore capo Nicola Gratteri, dal procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e dal sostituto Vito Valerio – è quella di avere condizionato la scelta del contraente da parte della Regione in favore della Inaer Aviation Italia spa (poi trasformata in Babcock Mcs Italia spa). Secondo le indagini condotte dalla Guardia di finanza di Catanzaro, gli indagati avrebbero mantenuto costanti “interlocuzioni tecniche sulla predisposizione del capitolato da porre a base di gara”.

Secondo la delibera della giunta regionale, su proposta della Fragomeni, è stato conferito a Lopresti l’incarico temporaneo di reggenza del Settore ‘Sport e Politiche Giovanili’ “nelle more che, il medesimo dirigenti, sia individuato, nelle forme di legge e nell’ambito delle procedure previste dalla normativa vigente, quale titolare di un incarico e comunque facendo salvi gli esiti del giudizio pendente”.

La giunta, inoltre, demanda “al Dirigente Generale del Dipartimento ‘Istruzione e attività culturali’ il conferimento al dottor Salvatore Lopresti del predetto incarico temporaneo di reggenza nelle more che, il medesimo dirigente, sia individuato, nelle forme di legge e nell’ambito delle procedure previste dalla normativa vigente, quale titolare di un incarico nonché l’assegnazione dei relativi obiettivi per l’anno 2018”. Un incarico dirigenziale diverso dal precedente, approvato dalla giunta Oliverio, sulla legittimità del quale, evidentemente, le Fiamme gialle vogliono effettuare della verifiche.