Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Reggio Calabria, divelta targa dedicata agenti uccisi dai clan

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“La targa commemorativa apposta a piazza Castello a Reggio Calabria, dedicata agli agenti di polizia municipale Giuseppe Marino e Giuseppe Macheda, caduti per mano criminale nell’esercizio delle loro funzioni, è stata divelta da ignoti”. Lo comunica una nota dell’ufficio stampa della città metropolitana di Reggio Calabria. “A darne notizia – si legge nel comunicato – è stata il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà che a margine di un sopralluogo effettuato presso l’aiuola di piazza Castello,dove la targa era stata alloggiata durante una cerimonia pubblica alla presenza delle autorità, ha stigmatizzato l’accaduto dichiarando l’immediata intenzione dell’Amministrazione comunale di ripristinare il fregio”. “E’ un gesto ignobile, vergognoso – ha dichiarato il sindaco Falcomatà – chi ha danneggiato quella targa dimostra di non voler bene alla città, alla sua storia, alla sua memoria, alla sua identità. Gli agenti di polizia municipale Marino e Macheda rappresentano per tutti noi un riferimento ed un esempio fulgido di senso del dovere, di rispetto delle regole e del senso civico e di concreta difesa della legalità contro gli abusi ed i soprusi della criminalità organizzata”. “Sono certo che gli autori di questo assurdo gesto saranno presto assicurati alla giustizia – ha aggiunto il sindaco – ci tengo ad esprimere sentimenti di vicinanza, da parte mia e dall’Amministrazione comunale, nei confronti delle famiglie dei due vigili urbani”. “Nel frattempo ho già chiesto – conclude Falcomatà – che la targa sia immediatamente ripristinata, affinché sia data una degna ricollocazione alla memoria di due uomini, cui è anche intitolato il palazzo del nostro Comando di Polizia Municipale, che rappresentano un riferimento assoluto nel pantheon della storia della città e nella memoria collettiva di ognuno di noi”.