Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Ponte Morandi

Dl Genova, Mattarella firma decreto. Toti: Non deroga norme europee, Genova non può aspettare

Salvini: Ho suggerito il nome di un commissario di altissima professionalità, un genovese che ha girato il mondo
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di AGV - Agenzia Giornalistica il Velino

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge su Genova secondo quanto trapela da fonti del Quirinale. Il provvedimento prevede, tra le altre cose, che nel caso in cui Autostrade non pagasse o ritardasse le spese di ricostruzione del ponte Morandi sarà lo Stato ad anticiparle, attingendo al Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale. La spesa autorizzata per il meccanismo di anticipazione ammonta a 30 milioni annui per il periodo dal 2018 al 2019.

Ma per il governatore ligure, Giovanni Toti, “ci sarà bisogno di un procedimento di gara per la ricostruzione del ponte Morandi ancorché semplificata perché il decreto non deroga alle norme europee sulla concorrenza, quindi auguriamoci che il decreto non venga impegnato dalla molte possibilità di ricorso che vedo all’orizzonte. Liguria e Genova non intendono aspettare, vogliono il ponte nei tempi che avrebbero rispettato se avessero fatto da soli”. Intanto Matteo Salvini annuncia di aver fatto un nome di un commissario: “Un consiglio, un nome, un cognome e un curriculum di altissima professionalità, genovese che ha girato il mondo. Serve un manager, onesto, pulito, riconosciuto, il nome ce l’hanno sia Conte che Di Maio. Spero si chiuda oggi. Domenica e lunedì sarò a Genova”. Si parla di Claudio Gemme proveniente da Fincantieri.

Notizie correlate