Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Russia

Grushko: pressione Usa su cooperazione energetica Ue “inaccettabile”

Il vice ministro degli Esteri russo: L'Europa dichiara costantemente di essere indipendente nel processo decisionale ma non è così
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik

Gli Stati Uniti stanno esercitando una pressione significativa sull’Europa e in particolare sulla cooperazione energetica con la Russia, “una pressione politica assolutamente inaccettabile”. Lo ha detto il vice ministro degli Esteri russo Alexander Grushko a Sputnik. Martedì scorso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante il suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite aveva detto che la Germania alla fine sarebbe diventata completamente dipendente dalle forniture energetiche russe se non avesse ripensato la sua politica. “La pressione è significativa. Non è la prima volta. Per molti anni, i rappresentanti degli Stati Uniti si sono recati nei paesi europei e hanno dettato legge su come e con chi costruire la cooperazione energetica. Questa è una pressione politica assolutamente inaccettabile”, ha detto Grushko. Il diplomatico ha osservato che “alla fine, è una questione di autonomia dell’Europa”. “L’Europa dichiara costantemente di essere indipendente nel processo decisionale. Oggi, purtroppo, siamo costretti a dichiarare che le forze, che vogliono trasformare la sfera della cooperazione energetica nella sfera del confronto geopolitico, non sempre vengono combattute”, ha aggiunto Grushko. Secondo il diplomatico, i progetti energetici tra la Russia e i paesi europei contribuiscono alla sicurezza regionale. “Abbiamo sempre creduto che, in primo luogo e soprattutto, la cooperazione tra l’Europa e la Russia nel settore dell’energia è principalmente basata su progetti commerciali. Dal punto di vista politico e geopolitico, naturalmente, diventano anche un fattore materiale per rafforzare la sicurezza in Europa. C’è una interdipendenza positiva”, ha detto Grushko. Trump in più occasioni ha esortato gli alleati europei degli Stati Uniti a sospendere la costruzione del gasdotto Nord Stream 2, che attraverserebbe il Mar Baltico per raggiungere un hub in Germania.

The United States is exerting significant pressure on Europe over energy cooperation with Russia, it is “absolutely unacceptable political pressure,” Russian Deputy Foreign Minister Alexander Grushko told Sputnik. On Tuesday, US President Donald Trump during his speech to the UN General Assembly said Germany would eventually become completely reliant on Russian energy supplies if it did not rethink its policy. “The pressure is significant. It is not the first time. For many years, US representatives have traveled to European countries and dictated to them how and with whom to build energy cooperation. This is an absolutely unacceptable political pressure,” Grushko said.The diplomat noted that “in the end, it is the issue of Europe’s autonomy.””Europe is constantly declaring that it is independent in decision-making. Today, unfortunately, we are forced to state that the forces, which want to turn the sphere of energy cooperation into the sphere of geopolitical confrontation, are not always fought back,” Grushko added.According to the diplomat, energy projects between Russia and European countries contribute to the regional security.”We have always believed that, first and foremost, the cooperation between Europe and Russia in the area of energy is primarily commercial projects. From the political and geopolitical point of view, of course, they also become a material factor in strengthening security in Europe. There is such a positive interdependence,” Grushko said.Trump on multiple occasions urged the US European allies to suspend the construction of the Nord Stream 2 pipeline, which would run through the Baltic Sea to a hub in Germany. Trump suggested in the past that countries in Europe should purchase US liquefied natural gas.The Nord Stream 2 project is a joint venture of Russian energy giant Gazprom, France’s Engie, Austria’s OMV AG, UK-Dutch Royal Dutch Shell, and Germany’s Uniper and Wintershall. The project has been welcomed by some countries in Europe, such as Germany and Austria, and opposed by others, including Ukraine, which may suffer transit revenue drops if Nord Stream 2 becomes operative.

Notizie correlate