Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Operazione antindrangheta nel Reggino, tra 18 arresti anche sindaco di Delianuova

Sono accusati di associazione mafiosa, estorsione e truffa. Francesco Rossi sarebbe legato a clan Alvaro
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

Nuovo colpo al clan Alvaro. Diciotto persone sono state fermate questa mattina all’alba per ordine della Dda di Reggio Calabria perché accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, truffa aggravata, trasferimento fraudolento di valori, tutti reati aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose. Fra i fermati c’è anche Francesco Rossi, sindaco di Delianuova, eletto 3 anni fa a capo di una lista civica, e dal luglio scorso consigliere metropolitano in quota Pd. Per gli inquirenti, Rossi è uno degli elementi cardine del sistema perché sarebbe stato lui, fin da quando era vicesindaco, ad a aprire ai clan le porte dell’amministrazione. Rossi è uno dei firmatari del documento dei sindaci a supporto della ricandidatura del governatore Oliverio alle prossime Regionali. In mano agli Alvaro e ai loro imprenditori di riferimento, due dei quali sono finiti in manette, sono finiti appalti, lavori e finanziamenti pubblici.

“Non si tratta di un singolo episodio – anticipa il procuratore Giovanni Bombardieri – dagli incontri che abbiamo avuto modo di registrare, emerge un rapporto stabile e pienamente consapevole con gli uomini del clan”. Per inquirenti e investigatori, Rossi è in tutto e per tutto un affiliato, pienamente integrato nelle dinamiche del clan. “Negli ultimi anni gli Alvaro hanno subito duri colpi, ma questa indagine ci ha consentito di comprendere come il loro peso criminale continui ad essere rilevante”. Ma soprattutto esteso ben oltre il loro feudo storico, Sinopoli.

Nel corso dell’indagine, in un casolare di proprietà degli uomini del clan sono stati registrati incontri con delegati delle famiglie di ‘ndrangheta di tutto il Reggino, dal mandamento jonico alle ‘ndrine di Reggio città.

Notizie correlate