Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia

Giochi, Rossi: in E.Romagna bruciato 1,5 mld di euro l’anno. Si lavora a piano di contrasto

Nel 2016 in Emilia Romagna, solo per giochi con apparecchiature Slot e VLT, sono stati 4 miliardi e mezzo di euro i soldi giocati
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di esp

Sono saliti a venti, a Parma, gli esercenti che hanno il marchio Slot free per combattere il fenomeno della ludopatia e per dire il loro ‘no’ al gioco d’azzardo patologico nei bar e nelle tabaccherie.

A spiegare il piano regionale contro il gioco è stato l’assessore al Welfare Laura Rossi nel corso di un convegno che è stato occasione di confronto tra i soggetti interessati: “presentiamo un piano complesso del territorio in tema di contrasto al gioco d’azzardo – ha spiegato Rossi – se pensiamo che solo in Emilia Romagna viene bruciato ogni anno più di un miliardo e mezzo di euro. Ci troviamo in una situazione paradossale in cui lo Stato promuove, attraverso vari canali, il gioco d’azzardo mentre, a livello territoriale, vengono messe in atto azioni di prevenzione e sensibilizzazione grazie al lavoro di squadra tra Comuni, Azienda Ausl e terzo settore”.

Un piano, quello di contrasto al gioco, che coinvolge anche le scuole. Verrà infatti sottoscritto – spiega l’assessore all’Educazione Ines Seletti, un protocollo di intesa per rendere organico ed efficace il piano di azione contro le ludopatie nei diversi ordini di scuole, partendo dalle scuole d’infanzia per giungere alle secondarie di secondo grado.

Secondo quanto riportato dal report dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, il “Libro Blu”, nel 2016 in Emilia Romagna, solo per giochi con apparecchiature Slot e VLT, sono stati 4 miliardi e mezzo di euro i soldi giocati, tre miliardi e 600 milioni restituiti in vincite e dunque la differenza, cioè 923 milioni, persi.

Notizie correlate