Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Strage dei migranti nel Foggiano, due cortei per dire “no” al caporalato

Marcia dei “berretti rossi” in mattinata dal quartiere ghetto di Rignano a San Severo. Nel pomeriggio l'iniziativa congiunta dei sindacati. La Procura di Foggia individua alcune aziende dove lavoravano i 16 extracomunitari vittime dei due incidenti stradali
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di ppl

Due manifestazioni per dire “no” allo sfruttamento dei migranti nel lavoro nei campi e contro il caporalato. La prima è quella indetta dall’Usb ed è partita in mattinata con una marcia da San Severo a Foggia, mentre la seconda è fissata nel pomeriggio di mercoledì sempre nel capoluogo pugliese. Nel corso della mattinata la marcia denominata “dei berretti rossi” – che simbolicamente ricorda il cappellino utilizzato dai migranti per lavorare nei campi – hanno partecipato numerosi extracomunitari presenti nel zona e utilizzati come manovalanza in agricoltura che hanno sfilato in corteo inneggiando ad alcuni slogan contro il fenomeno del caporalato e lo sfruttamento dei migranti.

La marcia, organizzata soprattutto per ricordare le 16 vittime dei due incidenti stradali in cui hanno perso la vita migranti impegnati nei lavori in agricoltura nel Foggiano, è partita dall’ex ghetto in località Rignano a San Severo è si concluderà davanti la Prefettura del capoluogo pugliese. Dove nel pomeriggio, attorno alle 18, si terrà un corteo a cui hanno aderito la Cgil, la Cisl e la Uil oltre a diverse organizzazioni. Al termine sono previsti diversi interventi di esponenti sindacali e di lavoratori. Intanto proseguono a ritmo incessante l’inchieste aperte della Procura della Repubblica di Foggia sui due incidente stradali in cui hanno perso la vita 16 migranti. Gli inquirenti avrebbero individuato alcune aziende, in gran parte della zona, in cui le vittime avrebbero lavorato prima di rimanere coinvolti nei sinistri mortali avvenuti in due giorni nell’area del Foggiano. Tra le ipotesi al vaglio dei magistrati anche se sia trattato di episodi di caporalato.

Notizie correlate