Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Crollo della diga nel Laos, bilancio 31 morti e 130 dispersi

Secondo le autorità locali il dato è ancora provvisorio. Si attendono le conclusioni delle operazioni di soccorso. Si temono vittime anche in Cambogia
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di ppl

Il bilancio delle vittime di un’inondazione causata dal crollo di una diga nel Sud-est della provincia di Attapeu in Laos, ha detto oggi il vice governatore della provincia di Attapeu, Ounla Xayasith, è salito a 31 persone con altre 130 disperse. La diga idroelettrica di Xepian-Xe Nam Noy, costruita da una compagnia sudcoreana, è crollata il 23 luglio, rilasciando 5 miliardi di metri cubi di acqua sul distretto di Sanamxay, nella provincia di Attapeu. Il crollo della diga ha provocato un’enorme inondazione che ha colpito diversi villaggi locali. «Le squadre di soccorso nella zona del disastro hanno trovato molti più corpi: ad oggi il numero confermato di vittime è di 31 persone, 130 persone sono considerate disperse», ha detto Xayasith, nel corso della trasmissione sul canale Lao Star TV.

Le autorità del Laos hanno riferito in precedenza che l’inondazione aveva causato la morte di 26 persone, mentre 131 risultavano disperse. Una fonte nella vicina provincia di Champasak, con la consapevolezza della situazione, ha detto a Sputnik che la ricerca di quelli dispersi è stata condotta anche in Cambogia, al confine con la provincia di Attapeu. Secondo la fonte, l’alluvione causata dal crollo della diga ha colpito anche questo Paese vicino. Ha espresso preoccupazione per il fatto che molte delle 130 persone scomparse potrebbero essere morte, con i loro corpi finiti in Cambogia, che attualmente sta cercando corpi delle proprie vittime dell’inondazione. L’esatto numero di morti sarà noto una volta che le operazioni di ricerca e soccorso finiranno sia in Laos che in Cambogia, ha concluso la fonte.

The death toll in a flood caused by the collapse of a dam in the southeastern Laotian province of Attapeu has climbed to 31 people, with 130 more missing, Deputy Governor of Attapeu province Ounla Xayasith said on Monday. The Xepian-Xe Nam Noy hydropower dam, which was built by a South Korean company, collapsed on July 23, releasing 5 billion cubic meters (176 billion cubic feet) of water onto the Sanamxay district, Attapeu province. The dam collapse has resulted in a huge flood, which affected several local villages. “Rescue teams in the disaster area have found several more bodies of victims. As of today, the confirmed number of victims is 31 people, 130 people are considered to be missing,” Xayasith said, broadcast by the Laо Star TV channel.

The Laotian authorities earlier reported that the flood had claimed the lives of 26 people, while 131 were missing. A source in the neighboring province of Champasak, with the knowledge of the situation, told Sputnik that the search for those missing was also being conducted in Cambodia bordering Attapeu province. According to the source, the flood caused by the dam collapse also affected this neighboring country. He expressed concerns that many of the 130 missing people had died, with their bodies washed away to Cambodia, which is currently searching for bodies of own victims of the flood. The exact death toll will be known once the search and rescue operations finish both in Laos and Cambodia, the source concluded.

Notizie correlate