Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Salvini: «Oltre 600 migranti salvati al largo della Libia»

Replica del ministro dell'Interno alle accuse del parlamentare Fratoianni: «È male informato»
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputinik
di ppl

Più di 600 migranti sono stati salvati al largo delle coste della Libia, ha detto il vice primo ministro, e ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini, confutando le notizie secondo cui la nave italiana avrebbe riportato alcuni di loro in Libia invece di essere consegnati in uno dei porti europei. “La guardia costiera libica nelle ultime ore ha salvato e riportato a terra 611 migranti. Le Ong protestano e i “vettori” perdono la loro attività? Bene, continueremo”, ha scritto sul suo Twitter. In precedenza, il deputato del Parlamento italiano di “Liberi e uguali” Nicola Fratoianni aveva sostenuto che la nave battente bandiera italiana, che opera in una piattaforma petrolifera, dopo aver salvato nel Mar Mediterraneo 108 migranti e li ha portati, in violazione del diritto internazionale, verso la Libia. Quindi, la denuncia si riferirebbe al primo caso, quando cioè una nave europea ha riportato i migranti salvati in mare nel paese africano. Salvini ha negato queste accuse, affermando che la parte italiana non ha partecipato a nessuna di queste operazioni. Il vice primo ministro allo stesso tempo ha definito Fratoianni “un parlamentare male informato”.

La lotta contro l’immigrazione illegale dai paesi nordafricani è stata definita una delle priorità delle autorità italiane. Il Ministero dell’Interno italiano ha riferito che nei primi tre mesi di quest’anno sono arrivati nel paese solo 16.900 migranti, l’80% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In precedenza, Salvini aveva sostenuto che l’Italia avrebbe chiuso temporaneamente i suoi porti alle navi di Ong coinvolte nel salvataggio di migranti nel Mediterraneo, e che queste navi “vedranno l’Italia solo su cartolina”.

Nelle ultime settimane, l’Italia ha vietato l’ingresso nei suoi porti di diverse navi con migranti. La nave Lifeline dell’omonima Ong tedesca, che trasportava oltre 230 migranti a bordo, è sbarcata a Malta. La Spagna ha accettato di prendere la nave Aquarius con 600 migranti. A metà luglio la nave della guardia di finanza e quella di Frontex dell’Ue avevano sbarcato in Sicilia 450 migranti dopo la disponibilità offerta da Spagna, Portogallo, Francia, Germania e Malta di accoglierli.

Notizie correlate