Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Corea del Nord, il Giappone pronto a ritirare i Patriot

Le autorità nipponiche avevano deciso di schierare il sistema antimissilistico dopo che un razzo lanciato da Pyongyang aveva sorvolato Hokkaido
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputinik
di ppl

Il ministero della Difesa giapponese sta valutando l’ipotesi di ritirare gli intercettatori di missili balistici terra-aria Patriot Advanced Capability-3 (Pac-3) schierati nel nord e nell’ovest del Paese per contrastare possibili lanci di missili dalla Corea del Nord, è quanto riferiscono i media locali che hanno citato funzionari del ministero. Da agosto scorso, il Giappone ha schierato i sistemi di difesa Pac-3 nelle prefetture di Shimane, Hirosima, Ehime e Kochi in risposta all’annuncio della Corea del Nord di avere un piano per un potenziale attacco missilistico vicino al territorio dell’isola Guam. A settembre, il governo giapponese aveva deciso di schierare un’unità aggiuntiva Pac-3 nella città settentrionale di Hakodate dopo che un missile lanciato da Pyongyang aveva sorvolato Hokkaido, l’isola più settentrionale del Giappone. Secondo l’emittente della Nhk, il ministero della Difesa giapponese ha valutato che la situazione nella penisola coreana è sufficientemente migliorata dopo il vertice di giugno a Singapore tra Usa-Corea del Nord, riducendo così la possibilità di lanci di missili balistici da parte della Corea del Nord.

Il ministero sta considerando anche il ritiro delle truppe dalle regioni del nord-ovest del Giappone. Tuttavia, il ministero ha osservato che uno specifico ordine sulle “misure di distruzione” contro i missili balistici rimarrebbe in vigore per contrastare eventuali lanci di missili. Il ministero sta anche prendendo provvedimenti per essere in grado di implementare rapidamente i sistemi di difesa Pac-3, se la situazione nella penisola coreana si dovesse deteriorare. Il Ministero della Difesa giapponese dovrebbe anche mantenere un’unità PAC-3 nel distretto di Ichigaya a Tokyo. La situazione nella penisola coreana è notevolmente migliorata negli ultimi mesi, con il leader nordcoreano Kim Jong Un che ha tenuto due sessioni di colloqui con il presidente sud-coreano Moon Jae-in e un vertice di alto livello con il leader degli Stati Uniti Donald Trump a Singapore.

The Japanese Defense Ministry is considering withdrawing on Monday surface-to-air Patriot Advanced Capability-3 (Pac-3) ballistic missile interceptors deployed in the country’s north and west to counter possible missile launches from North Korea, local media reported citing the ministry’s officials. In August, Japan deployed Pac-3 defense systems in prefectures of Shimane, Hirosima, Ehime and Kochi in response to North Korea’s announcement that it has a plan for a potential missile strike near the US Pacific island territory of Guam. In September, the Japanese government decided to deploy an additional Pac-3 unit in the northern city of Hakodate after a missile launched by Pyongyang flew over Japan’s northernmost island of Hokkaido. According to the NHK broadcaster, the Japanese Defense Ministry concluded that the situation on the Korean peninsula had sufficiently improved following the US-North Korea summit in Singapore in June, therefore reducing possibility of ballistic missile launches by North Korea.

The ministry is considering the withdrawal of troops from Japan’s northern and western regions on Monday as well. However, the ministry noted that a special order on “destruction measures” against ballistic missiles would remain in force in order to counter any possible missile launches. The ministry is also taking steps to be able to promptly deploy Pac-3 defense systems, if the situation on the Korean Peninsula deteriorates. The Japanese Defense Ministry is also expected to retain a Pac-3 unit in Tokyo’s Ichigaya district. The situation on the Korean Peninsula has significantly improved within the last several months, with North Korean leader Kim Jong Un having held two rounds of talks with South Korean President Moon Jae-in and a top-level summit with US leader Donald Trump in Singapore.

Notizie correlate