Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Ambiente ed Energia

San Floro (Cz), Legambiente: “Comune revoca permesso costruzione discarica”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“Legambiente Calabria dopo anni di battaglie, di azioni legali e mobilitazioni, finalmente può dirsi soddisfatta riguardo alla vertenza nata sull’isola ecologica ‘Battaglina’”. È quanto comunica, in una nota, Legambiente Calabria. “Il comune di San Floro – si legge nel comunicato – annulla il permesso a costruire; con la determina numero 78 si blocca definitivamente la realizzazione dell’impianto in località Battaglina e ora l’associazione del Cigno pretende il ripristino dei luoghi. Dopo undici anni il comune di San Floro annulla il permesso a costruire l’impianto ponendo fine ad una triste vicenda che ha visto Legambiente Calabria, combattere strenuamente sin dall’inizio, attraverso l’azione legale e partecipando, con i suoi circoli di Girifalco e Catanzaro, alla mobilitazione della cittadinanza ed all’azione del ‘comitato No Battaglina’”. “È finita la storia – è detto nella nota – di quella che poteva diventare una delle discariche più grandi d’Europa e che avrebbe comportato enormi danni all’ambiente e ai cittadini, in un’area di centinaia di ettari, vicina a nuclei abitati e sovrastante le falde acquifere, sottoposta a diritti di uso civico e soggetta ad una pluralità di vincoli inibitori assoluti tra i quali quelli idrogeologico e paesaggistico-ambientale”. “Ora manca un’ultima importante azione – dichiara Anna Parretta, centro di azione giuridica di Legambiente Calabria – e riguarda le disposizioni che il decreto di annullamento della Regione Calabria prevede: la rimozione da parte della società Sirim di tutti gli interventi eseguiti per la realizzazione dell’impianto ed il completo ripristino dello stato dei luoghi, nonché l’esecuzione di ogni ulteriore opera e/o adempimento necessario alla messa in sicurezza dell’area anche dal punto di vista idrogeologico”. “Legambiente Calabria chiede ancora una volta – afferma Andrea Dominijanni, vicepresidente di Legambiente Calabria – che tutte le amministrazioni competenti si attivino, finalmente e con urgenza, per ottenere, nell’interesse della cittadinanza, il ripristino dell’ambiente ed il risarcimento danni. La nostra associazione vigilerà affinché non vengano adottate ulteriori tattiche dilatorie da parte della società responsabile”.

Notizie correlate