Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Dl Dignità

Confindustria critica e Di Maio risponde: non cederemo a terrorismo psicologico

Secondo gli imprenditori "finisce per limitare a 12 mesi la durata ordinaria del contratto a tempo determinato"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di esp

Continuano le polemiche sul Dl Dignità. Adesso è la Confindustria a sollevare dei dubbi: “pur perseguendo obiettivi condivisibili” spiega, il decreto rende “più incerto e imprevedibile il quadro delle regole” per le imprese “disincentivando gli investimenti e limitando la crescita”. Sul banco degli imputato l’eventuale ritorno delle causali obbligatorio dopo il primo rinnovo del contratto a termine, esponendo le imprese “all’imprevedibilità di un’eventuale contenzioso”. Non solo, secondo gli imprenditori “finisce nei fatti per limitare a 12 mesi la durata ordinaria del contratto a tempo determinato, generando potenziali effetti negativi sull’occupazione oltre quelli stimati”.

Pronta la replica del ministro del Lavoro Luigi Di Maio che da Facebook scrive: “Confindustria oggi dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il no al Referendum, poi sappiamo come è finita. Sappiamo come finirà anche in questo caso”, spiega. E poi va giu duro: “Non possiamo più fidarci di chi cerca di fare terrorismo psicologico per impedirci di cambiare”.

Notizie correlate