Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cultura

Festival dei 2mondi: tornano gli Incontri di Paolo Mieli

Appuntamento a Palazzo Collicola Arti Visive
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Innovazione, cultura, sostenibilità, territorio, internazionalizzazione, futuro. Sono diversi i temi lungo i quali si snoderà l’edizione 2018 degli Incontri di Paolo Mieli, il format concepito da Hdrà, gruppo di comunicazione guidato da Mauro Luchetti e Marco Forlani, che presenta al sessantunesimo Festival dei 2Mondi l’ormai consolidata rassegna di conversazioni condotte dal grande storico e giornalista. Agli Incontri di Paolo Mieli 2018, fissati nel secondo e nel terzo fine settimana del Festival, sono protagonisti personaggi legati alle istituzioni, alle aziende, al cinema, alla cultura e allo spettacolo. In un fitto programma sfileranno Gabriele Muccino, Ennio Fantastichini, Claudio Cerasa, Francesco Starace, Mario Oliverio, Carlo Freccero, Paola Cortellesi, Marco Travaglio, Raffaella Carrà, Franca Leosini ed Eugenio Sidoli. Con ciascuno di loro andrà in scena un confronto in cui si incroceranno visioni, pensieri ed esperienze.

Con Mieli negli ultimi quattro anni hanno dialogato grandi personalità a beneficio di un pubblico sempre più numeroso: protagonisti del mondo della politica e delle istituzioni (da Walter Veltroni a Raffaele Cantone, da Marianna Madia a Roberta Pinotti, da Beatrice Lorenzin a Luigi Di Maio, da Vincenzo Boccia a Marco Minniti), del mondo delle imprese (tra gli altri Marco Patuano, Carla Fendi, Guido Brera, Antonio Campo Dall’Orto, Ilaria Dallatana, Catia Tomasetti), della cultura e dello spettacolo (Cesare Cremonini, Pif, Marco Giallini, Francesca Reggiani, Adriana Asti, Edoardo Albinati, Emanuele Trevi, Niccolò Ammaniti, Sandro Veronesi, Edoardo Nesi, Aldo Cazzullo, Lilli Gruber, Pierluigi Battista, Pietrangelo Buttafuoco e molti altri). Novità del 2018 è la sede dell’evento: Palazzo Collicola Arti Visive, che garantisce una maggiore capienza ed è il contesto ideale per parlare di innovazione, cultura e futuro.