Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Giochi

Forlì, chiusura per sale slot a meno di 500 metri

As.Tro: “Imprenditori possono subito rivolgersi al Tar”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

È di queste ore l’iniziativa del Comune di Forlì che sta comunicando agli esercenti interessati l’obbligo di chiusura, entro fine mese, delle sale Vlt poste a meno di 500 metri dai luoghi sensibili, in pretesa conformità alla L.R. 5/13. Sono concessi agli operatori poco più di venti giorni per dismettere l’attività aziendale, con l’unica alternativa possibile del trasferimento in un altro luogo del territorio comunale. Lo rende noto As.Tro, l’associazione che rappresenta gli operatori del gioco lecito. Il trasferimento, però, spiega l’associazione, “non è realizzabile perché nel territorio forlivese non vi sarebbero “spazi” disponibili per le decine e decine di attività coinvolte, anche alla luce delle norme del piano regolatore vigente che consentono, ovviamente, l’esercizio delle attività di sale gioco solo in alcune zone. Gli imprenditori del settore confidavano che il Comune sospendesse l’iter accettando la loro presenza nel forlivese, visto che nel provvedimento di dicembre contenente la mappatura era previsto espressamente che le lettere di chiusura sarebbero state inviate agli operatori solo dopo il recepimento a livello nazionale dell’intesa della Conferenza Stato-Regioni. L’avvocato Filippo Boccioletti, che affianca As.Tro nei rapporti con le istituzioni emiliano – romagnole regionali e locali, e che sta monitorando l’applicazione da parte dei singoli comuni delle norme sulle distanze dai luoghi sensibili, interpellato ha affermato: “Gli imprenditori interessati possono subito rivolgersi al Tar, i tempi imposti dal Comune di Forlì impongono di richiedere una misura presidenziale che sia monocratica e ante causam, motivata sul repentino cambio di rotta, rispetto alle precedenti determinazioni, del Comune di Forlì e sul termine irrisorio previsto per la chiusura”.

 

 

Notizie correlate