Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Topo opta per il Parlamento, al suo posto in Consiglio entra Chianese

I dem riflettono sul suo successore alla guida della commissione Sanità
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Lello Topo, consigliere regionale dem, è pronto a lasciare il parlamentino campano per dedicarsi al nuovo mandato, quello da parlamentare. Al suo posto tra i banchi consiliari subentrerà il primo dei non eletti Giovanni Chianese. Ma ancora è un’incognita il nome di chi sostituirà Topo alla presidenza della commissione Sanità. Tre i nomi che circolano, che stando a indiscrezioni sono quello di Loredana Raia, Enza Amato e Bruna Fiola. Se il gruppo Pd facesse valere il principio di ‘ereditarietà’, secondo il quale la guida della commissione deve andare a un esponente della stessa corrente di Topo, ad avere gioco facile sarebbe la prima. Se invece a prevalere fosse il principio matematico secondo il quale chi ha avuto più voti alle scorse elezioni regionali ha priorità di incarico, a spuntarla sarebbe una tra Amato e Fiola. Assegnare la presidenza ad una donna servirebbe a migliorare il rispetto della rappresentanza di genere considerato che fino a questo momento le quote rosa Pd in Consiglio regionale sono state penalizzate. Stando a indiscrezioni provenienti da casa democrat non è escluso che oltre alla riassegnazione della commissione Sanità possa esserci un rimescolamento generale delle caselle, questo potrebbe portare a una rivisitazione degli incarichi anche negli altri partiti. Il centrodestra deve bilanciare il fatto che all’interno dell’Ufficio di presidenze ci sono solo esponenti di Forza Italia, Flora Beneduce, Massimo Grimaldi e Ermanno Russo. Il Movimento 5 Stelle, invece, deve tentare di ottenere un posto all’interno dello stesso ‘Ufficio’ considerato che tre anni fa i pentastellati sono stati tenuti fuori. Intanto Chianese dovrebbe prendere il posto di Topo già durante la prossima seduta consiliare.