Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cultura

Accademia di Francia a Roma – Villa Medici: domani Concerto di Marc Mauillon e Catalina Vicens

Incontro con Stephanie Solinas e Philippe Martin. Omaggio a Paul Otchakovsk y-Laurens. Ingresso gratuito nel limite dei posti disponibili
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

I Giovedì della Villa, ideati dalla direttrice Muriel Mayette-Holtz e curati da Cristiano Leone, il 24 maggio alle 18 aprono con un concerto di Marc Mauillon e Catalina Vicens, invitati dal compositore Aurélien Dumont, attualmente in residenza a Villa Medici. Seguono, alle 19, l’incontro con Stéphanie Solinas, artista e borsista dell’Accademia, e Philippe Martin, produttore, direttore artistico della 3e Scène dell’Opéra de Paris, animato dal critico d’arte Florian Gaité, e, alle 20.30, un omaggio all’editore Paul Otchakovsky- Laurens, ideato da Lise Charles, scrittrice e borsista dell’Accademia di Francia.

Ore 18.00. Testi e musiche perduti e reinventati – Il cantante “fuori classe” Marc Mauillon e la polistrumentista Catalina Vicens propongono un programma originale per voce e organo medievale che esplora la trasmissione della musica e dei testi, mettendo in luce gli elementi conservati nella memoria e le trasformazioni subite nelle tradizioni orali e scritte. Durante questo dialogo sarà interpretata per la prima volta Contrées, del compositore Aurélien Dumont, basata su un testo originale di Domenique Quélen. Questa nuova creazione mette in scena brani di testi presi dalle Memorie di Berlioz durante la sua residenza a Villa Medici. La scrittura musicale e testuale di Contrées, che procede attraverso tensioni estetiche molto vicine all’ucronìa, genera un’espressività astratta accompagnata da fonti storiche ambigue che introducono l’uditore in uno spazio onirico e inatteso.

19.00. Non guardarmi – Il fantasma dell’Opera descritto da Gaston Leroux esiste realmente? Per partire alla sua ricerca, Stéphanie Solinas riunisce per una notte al Palais Garnier cinque “esperti dell’invisibile”, tra realtà e illusione, certezza e false apparenze: l’intendente dell’Opéra Garnier, uno psicocriminologo, un medium, un mago, un neurologo specialista dei sogni. Non guardarmi, un cortometraggio realizzato da Stéphanie Solinas per la 3e Scène dell’Opéra de Paris, ripercorre le loro inchieste facendo emergere in trasparenza gli esseri invisibili di cui siamo composti, l’amore, il desiderio, la memoria, la fede ecc., la cui forza orienta le nostre percezioni. Philippe Martin ha fondato i Films Pelléas nel marzo del 1990. Lo stesso anno, la Fondation Hachette gli offre la prima Borsa del giovane produttore e riceve il premio Georges de Beauregard del giovane produttore nel 1996. Da ventisette anni, la società ha prodotto più di settanta film tra i quali ricordiamo quelli di Pierre Salvadori, Christophe Honoré, Mia Hansen-Løve, Nicole Garcia, Jean-Stéphane Bron. Nel 2016 viene affidata a Philippe Martin la direzione artistica della 3e Scène, piattaforma numerica dell’Opéra National de Paris.

Laureata presso l’ENS Louis Lumière e Dottore di ricerca in Arti Plastiche (Paris I), Stéphanie Solinas (1978) sviluppa un’opera plurale, dove s’incontrano fotografia, scrittura e installazione. Il suo lavoro si interroga sull’atto stesso del “vedere” e sui suoi limiti, dove il pensiero è sempre più avanti del mezzo espressivo. Il suo lavoro è stato oggetto di mostre personali presso i Rencontres d’Arles, il Musée Carré d’Art di Nîmes, il Fraenkel LAB (San Francisco), il FOAM (Fotografie museum of Amsterdam), a Parigi al Museo Nazionale Eugène-Delacroix, alla Maison Rouge, alla Société Française de Photographie (Sociétà francese di fotografia), la chiesa Saint-Eustache (durante il Mese della Fotografia), ecc. Le sue opere sono presenti anche in collezioni internazionali, presso il Centre National des Arts Plastiques (Centro Nazionale delle Arti Plastiche), la Biblioteca Nazionale francese, lo CNAC Georges Pompidou/Bibliothèque Kandinsky, il Fondo Regionale d’Arte Contemporanea PACA, il Museo Nicéphore Niepce, il Museo dell’Elysée a Losanna, il Pier 24 Photography a San Francisco, e svariate collezioni private. Stéphanie Solinas ha pubblicato Dominique Lambert (2010/2016), Senza titolo (Monsieur Bertillon) (2012) e Disertori (2013).

20.30. Editore – Paul Otchakovsky-Laurens (1944 – 2018). Dopo gli studi di giurisprudenza, inizia a lavorare nel mondo dell’edizione, presso Christian Bourgois. Dopo un’esperienza con le edizioni Flammarion e Hachette, crea la propria casa editrice P.O.L., nel 1983. P.O.L. ha permesso di far scoprire al pubblico e alla critica grandissimi scrittori quali Emmanuel Carrère, Marie Darrieussecq, Camille Laurens, Mathieu Lindon, Nathalie Azoulai e Lise Charles, borsista di Villa Medici, che ha ideato questa serata in omaggio all’editore. Lise Charles è nata nel 1987. Ha conseguito il titolo accademico di «agrégée» in lettere classiche, ed è autrice di una tesi sull’ordine del racconto e la questione della tensione narrativa nel romanzo francese del XVII e XVIII secolo. Ha pubblicato due romanzi con le edizioni P.O.L, La Cattiva (2013) e Come Ulisse (2015).

Notizie correlate