Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Lazio/RomaCapitale, Roma

Roma, multe Via di Portonaccio: dopo accoglimento ricorsi da parte del prefetto Codacons lancia nuova battaglia

Anche chi ha fatto scadere termini per ricorso può chiedere giustizia
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Non si arresta la battaglia del Codacons contro le multe elevate sulla corsia preferenziale di Via di Portonaccio. Dopo le prime vittorie ottenute dinanzi al Prefetto, con numerosi automobilisti assistiti dal Codacons che hanno visto l’annullamento delle sanzioni inflitte prima del 25 luglio 2017, data in cui la segnaletica è stata migliorata, il Codacons lancia oggi una nuova battaglia legale sul caso di via di Portonaccio.


“Forti dell’orientamento del Prefetto, la cui linea finora sembra essere quella di annullare tutte le sanzioni elevate fino al 25 luglio 2017, abbiamo deciso di fornire aiuto anche a chi ha fatto scadere i termini per impugnare le contravvenzioni – spiega il Codacons – Costoro infatti, non potendo più ricorrere al Giudice di pace o allo stesso Prefetto, possono presentare il ricorso in “autotutela” chiedendo l’annullamento del verbale. Non solo. Anche contro le multe elevate dopo il 25 luglio e per le quali non sia scaduto il termine per l’impugnazione (60 giorni dalla data di contestazione immediata o dalla notifica dell’atto) è possibile presentare ricorso al Prefetto, in quanto persistono altre irregolarità che renderebbero illecita la multa”.

“Proprio per aiutare gli automobilisti della capitale (si parla di 800mila sanzioni per un controvalore di 80 milioni di euro) il Codacons ha pubblicato sul proprio sito un vademecum contenente tutte le informazioni utili per presentare ricorso e far valere i propri diritti”, conclude la nota.

Notizie correlate