Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Cosenza, siglato accordo Comune-Unical su collaborazione culturale

Cosenza, siglato accordo Comune-Unical su collaborazione culturale
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“L’Unical e il Comune di Cosenza insieme per attivare forme di collaborazione e favorire la nascita e lo sviluppo di innovative tipologie di impresa, in ambito culturale, creativo e turistico. È questo l’obiettivo del protocollo di intenti e di azione firmato oggi dal rettore dell’Unical, Gino Mirocle Crisci, e dal sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, per l’ideazione di progetti che offrano servizi smart nella gestione e valorizzazione dei beni e delle attività culturali. Presenti alla sigla dell’accordo, il vicesindaco del Comune di Cosenza Jole Santelli, il dirigente alla Cultura, Giampaolo Calabrese, e il delegato del rettore alla Ricerca e al trasferimento tecnologico, Giuseppe Passarino”. Lo comunica una nota stampa del Comune di Cosenza. “L’Università della Calabria fornirà l’assistenza tecnico-scientifica per avviare le attività individuate dal Comune, grazie anche al suo incubatore di imprese che ospita già una cinquantina di spin-off. L’accordo vuole essere un ponte – prosegue la nota -, è stato ribadito da più parti nel corso della conferenza stampa, tra università e amministrazione e nasce, da una parte, dalla volontà del Comune di Cosenza di dare valenza strategica alle attività culturali, e dall’altra, dall’esigenza dell’Università della Calabria di perseguire la sua cosiddetta terza missione, ovvero trasferire conoscenze e competenze accademiche al servizio del tessuto territoriale. E proprio nel solco della concretezza, è stata già anticipata una prima idea che potrà essere sviluppata grazie all’accordo: utilizzare gli autobus dismessi dell’Amaco con una fruizione diversa, in punti di attrazione turistica specifici, quali, ad esempio, la zona dei Bocs Art sul lungofiume”. “L’obiettivo comune – si legge infine – è quello di dare un’occasione ai giovani laureati di poter lavorare attivamente sui beni culturali e turistici della città, creando startup innovative per la gestione dei servizi ai cittadini”.

Notizie correlate