Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cultura

Roma, “Le storie dell’arte – i parchi scultura nel mondo”: dal 15 maggio quattro lezioni al Maxxi

Per raccontare il rapporto tra arte e paesaggio naturale. Nel primo appuntamento, lo Yorkshire Sculpture Park con Peter Murray
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Da martedì 15 maggio al 14 giugno 2018 torna al MAXXI LE STORIE DELL’ARTE il ciclo di lezioni giunto alla sesta edizione, che quest’anno va alla scoperta del rapporto tra arte e paesaggio naturale e la storia di alcuni dei maggiori parchi che ospitano sculture e installazioni di arte contemporanea nel mondo. Frutto del collezionismo privato o pensate specificamente per avere una vita pubblica, queste aree sono veri e propri musei a cielo aperto, nei quali le opere vivono del rapporto con la natura che le circonda e si relazionano tra di loro con modalità nuove e inaspettate: una sperimentazione che nel corso degli anni ha acquisito un’importanza sempre maggiore. Protagonista del primo appuntamento, martedì 15 maggio alle 18.00, è lo Yorkshire Sculpture Park di cui parla il fondatore e direttore esecutivo Peter Murray con lo storico dell’arte contemporanea e curatrice Maria Alicata.

Questo parco è uno dei maggiori centri internazionali per la scultura moderna e contemporanea e nel 2017 ha celebrato il suo 40° anniversario. Fondato nel 1977 è stato il primo parco di sculture nel Regno Unito ed è il più grande del suo genere in Europa, con una collezione che comprende capolavori di Barbara Hepworth, Henry Moore e opere site-specific di Andy Goldsworthy, David Nash e James Turrell. Il 2018 ha visto come protagonista Giuseppe Penone, con la più vasta esposizione britannica delle sue opere e un’imponente installazione composta da 2000 gomitoli di lana dell’artista giapponese Chiharu Shiota. Peter Murray è il fondatore e direttore esecutivo dello Yorkshire Sculpture Park. Nato con ambizioni modeste, lo YSP gode attualmente di una reputazione internazionale e, sotto la sua direzione, è stato nominato Museo dell’Anno nel 2014. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi tra il Catalan, e Dottorati ad honorem delle Università di York, Huddersfield e University of the Arts di Londra ed è membro onorario del Royal College of Art.

Prossimo appuntamento martedì 29 maggio con Fabio Gori, della Collezione Gori – Fattoria di Celle di Pistoia, che ospita una delle più importanti collezioni al mondo di arte ambientale, insieme alla curatrice e critica Cristiana Perrella. Martedì 5 giugno sarà la volta dell’architetto Andrea Zegna e del progetto ALL’APERTO dell’Oasi Zegna, da lui ideato e sviluppato con Barbara Casavecchia a partire dal 2008 intorno a Trivero (Biella) con l’obbiettivo di rendere fruibile alla collettività l’accesso all’arte contemporanea. Insieme a lui, il critico d’arte e curatrice Cecilia Canziani. Ultimo incontro giovedì 14 giugno con Akiko Miki, direttore artistico del Benesse Art Site Naoshima, nelle isole giapponesi di Naoshima, Teshima e Inujima, un’istituzione nata con l’intento di creare spazi nuovi ed evocativi e dare un contributo alle comunità locali, accostando l’architettura contemporanea alla natura incontaminata del Mare Interno di Seto. Il progetto LE STORIE DELL’ARTE è realizzato grazie alla partnership con BMW e con il sostegno del FAI – Fondo ambiente italiano.

Notizie correlate