Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca, Ludopatia

Sabato 19 ad Anzio premiazione per bar no slot

Il movimento “Slot Mob” assegna un riconoscimento agli esercizi che non installano apparecchi per il gioco d’azzardo
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Nuovo evento contro il gioco d’azzardo patologico organizzato dal Movimento “Slot Mob”. Sabato 19 maggio ad Anzio (Roma) alle 16 a piazza Pia verrà premiato un bar che ha scelto consapevolmente e liberamente di non installare apparecchi per il gioco d’azzardo.  Durante il pomeriggio ci saranno diversi interventi e testimonianze circa la problematica dell’azzardo legale a cui seguiranno giochi in piazza che animeranno il sabato anziate. Le associazioni “Reti di Giustizia-il sociale contro le mafie”, “Movimento dei Focolari”, “Azione Cattolica diocesi di Albano-parrocchia Sant’Antonio Abate Falasche (Anzio)”, “C.N.G.E.I.”, “A.G.E.S.C.I.”, “Atena-associazione culturale”, “Croce Rossa Italiana-sezione Anzio Nettuno” e “Comunità di Sant’Egidio” invitano tutti i cittadini a partecipare. Le associazioni, si legge in una nota stampa, “non intendono demonizzare l’azzardo ma promuovere il gioco come attività libera, gratuita e creativa che connota l’essere umano. Al contempo, alle associazioni interessa informare e sensibilizzare la cittadinanza ed i decisori istituzionali sui rischi per la salute e sulle criticità socio-economiche connesse con la proliferazione e con l’aumento esponenziale di slot machine e di sale gioco, anche a ridosso di luoghi sensibili come scuole e biblioteche in cui si formano i cittadini ai legami sociali. Quest’ ultimi sono importanti e necessari per costruire sistemi di convivenza orientati alla legalità e al benessere sociale che rifiutano, quindi, ogni forma, anche subdola, di malavita, ingiustizia e violenza. Le associazioni, infatti, ritengono che la vigilanza democratica della cittadinanza debba essere sempre più presente anche a fronte di fenomeni non strettamente legati al gioco d’azzardo patologico, ma che, da questo, possono trarre forza e vigore come, ad esempio,  l’usura ed il riciclaggio. Nondimeno, va sottovalutata l’importanza di fare un buon uso del denaro anche a prevenzione della piaga del gioco d’azzardo patologico. Pertanto, con inizio alle 16, sono previsti gli interventi di Maria Chiara Cefaloni del movimento “SlotMob” che parlerà del movimento e delle iniziative messe in campo in tutta Italia; della dottoressa Barbara Annunziata, assistente sociale, che illustrerà l’offerta dei servizi territoriali per la  prevenzione  e l’intervento contro la ludopatia; del dottor Fabio Attilia, medico ed esperto in dipendenze, che spiegherà le cause biologiche del gioco d’azzardo; e di un professionista psicologo in forza alla Croce Rossa che esporrà i meccanismi mentali che traggono in scacco i giocatori patologici. Ci saranno anche testimonianze di ex-giocatori e di chi fornisce sostegno ai gruppi di auto-aiuto dei giocatori anonimi. Sarà presente anche una postazione nella quale i cittadini potranno leggere le proposte per l’adozione di un regolamento comunale che disciplini l’apertura e la presenza sul territorio comunale delle sale slot ed in cui potranno contribuire alle stesse con le loro idee. Rinnoviamo l’invito a partecipare numerosi per giocare con noi e passare un pomeriggio all’insegna della creatività. Fra i giochi, adatti per tutte le età, segnaliamo crucipuzzle, dama, tabù, jungle”.

 

 

Notizie correlate