Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Commercio

Vendite al dettaglio giù a marzo (-0,2%), +2,9% su anno

Vendite di beni alimentari  a +0,6% in valore mentre in volume sono sostanzialmente piatte. Per i beni  non alimentari si registra una diminuzione sia in valore sia in volume con rispettivamente un -0,7% e -0,8%
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

A marzo 2018 si stima che le vendite al dettaglio diminuiscano, rispetto al mese precedente, dello 0,2 per cento in valore e dello 0,6 per cento in volume. A riferirlo è l’stat. Le vendite di beni alimentari aumentano dello 0,6 per cento in valore mentre in volume sono sostanzialmente stazionarie (-0,1 per cento); per i beni non alimentari si registra una diminuzione sia in valore sia in volume (rispettivamente -0,7 per cento e -0,8 per cento). Nel primo trimestre del 2018, l’indice totale delle vendite registra un calo congiunturale dello 0,3 per cento, sia in valore sia in volume. Nello stesso periodo le vendite di beni alimentari aumentano dello 0,5 per cento in valore e in volume, mentre quelle di beni non alimentari diminuiscono dello 0,9 per cento in valore e dello 0,8 per cento in volume.

Su base annua, le vendite al dettaglio registrano un aumento del 2,9 per cento in valore e in volume. Le vendite di beni alimentari registrano un rilevante aumento, pari al 7,5 per cento in valore e al 6,8 per cento in volume, mentre quelle di beni non alimentari diminuiscono dello 0,8 per cento in valore e dell’1,0 per cento in volume. Per quanto riguarda le vendite di beni non alimentari, gli incrementi maggiori su base annua riguardano gli Elettrodomestici (+4,5 per cento), gli Altri prodotti (+3,5 per cento) e i Prodotti di profumeria, cura della persona (+3,4 per cento). In flessione risultano invece gli altri prodotti, con riduzioni più marcate per Utensileria e ferramenta e Calzature (-4,3 per cento per entrambi i gruppi). Sempre a livello tendenziale, il valore delle vendite al dettaglio registra una variazione positiva pari al 7,0 per cento per la grande distribuzione, mentre è in calo per le imprese operanti su piccole superfici (-1,3 per cento). Il commercio elettronico diminuisce dello 0,3 per cento.

Notizie correlate