Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Regionali

La Rai scende in campo a Palermo

Musica, archivi, Porte Aperte e kids
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Le Radio specializzate firmate Rai si spostano ancora una volta e, dal 15 al 17 maggio saranno a Palermo, nella sede regionale della Rai, con programmi live, collegamenti, eventi con il pubblico, concerti, registrazioni e l’iniziativa ‘Porte Aperte’ ideata e promossa dalla Direzione Comunicazione, Relazioni esterne, Internazionali e Istituzionali e sviluppata con la Direzione Risorse Umane e Organizzazione. Tutto inizierà martedì15 maggio, e verrà declinato sulle reti digitali della radiofonia Rai. Radio Classica, Radio Kids, Radio Techetè e Radio Tutta Italiana avranno un palcoscenico unico dal quale proporre diversi generi di programmi radiofonici.

L’Auditorium Radiofonico della sede Rai di Palermo ospiterà, il 15 maggio alle ore 21, un concerto unico nel suo genere con alcuni tra i nomi più in voga della musica ‘made in Sicily’: Mario Venuti, Luca Madonia, Mario Incudine, Lello Analfino dei Tinturia, Alessandra Salerno, Daria Biancardi, i Cirrone Bros e Tamuna. Il 16, alle ore 18, spazio a ‘Qui Radio Palermo’, un viaggio per ripercorrere attraverso suoni e immagini tutta la storia della radio a Palermo sotto l’egida di Radio Techeté. La ‘tre giorni’ chiuderà con Rai Porte Aperte la mattina e il concerto di Radio Classica: ‘In punta di plattro’. Il concerto (ore 20,30) sarà del Conservatorio Vincenzo Bellini diretto da Emanuele Buzi.

“E’ il terzo appuntamento che realizziamo con le sedi Ragionali della Rai. La radio da sempre è il mezzo più vicino alla gente e, proprio per questo – commenta Roberto Sergio, Direttore Rai Radio – abbiamo immaginato di portare le nostre radio a contatto con le persone, grazie anche alla disponibilità dataci dalla sede di Palermo. Un’opportunità per arrivare direttamente agli ascoltatori e festeggiare in Sicilia la radio in tutte le sue forme, anche quelle attuali più verticali e moderne”.

Notizie correlate