Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Ambiente ed Energia, ambiente

Ex Isolmer, audizione in Commissione Terra dei Fuochi

Zinzi scrive alla D'Amelio: "Il Consiglio si esprima sulla norma prima della conferenza dei servizi, i cittadini non possono attendere la burocrazia"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

La III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ del Consiglio regionale della Campania si è riunita questa mattina per discutere della “Rimozione rifiuti e messa in sicurezza del sito ‘Ex Isolmer’ a Teano”. All’audizione, presieduta dal consigliere regionale Gianpiero Zinzi, hanno partecipato la segretaria della Commissione Maria Muscarà e il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli; il sindaco del Comune di Teano, Nicola Di Benedetto; l’assessore comunale Mario Migliozzi; il capo dell’opposizione consiliare a Teano, Valerio Toscano; il vice presidente del comitato No Imp, Alessandro Lepre; l’amministratore unico della Gesia, Francesco Passaro. Assenti: la Provincia di Caserta e l’Asi. “L’audizione di questa mattina – ha dichiarato il presidente della III Commissione speciale, Gianpiero Zinzi – risponde alle sollecitazioni pervenuteci dall’Associazione ‘No Imp’ di Teano che ringrazio per il quotidiano impegno di vera scintilla del territorio. Lo stato di abbandono e degrado in cui versa l’area ex Isolmer è vergognoso e rappresenta una continua fonte di preoccupazione per i cittadini. L’ultimo sopralluogo dell’Arpac ha confermato la necessità di procedere alla rimozione dei rifiuti. Abbiamo chiarito nel corso dell’audizione che le attività di messa in sicurezza dell’area e l’eventuale successiva realizzazione di un impianto di rifiuti in loco dovranno seguire due percorsi diversi. Ho chiesto alla Presidente D’Amelio di discutere in Consiglio la proposta di legge che mira a chiarire quanto disposto dalla legge regionale 14/2016 in materia di rifiuti. Occorre che il Consiglio regionale si esprima entro il 9 maggio, data della Conferenza dei Servizi in cui si discuterà della richiesta di autorizzazione per l’impianto. I cittadini non possono attendere la burocrazia o l’inerzia della proprietà”.