Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Governo: Cdm esercita golden power su licenza aerospaziale ad Ariane

Tra le altre decisioni, lo scioglimento del Consiglio comunale di Calvizzano (Napoli)
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

“Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, martedì 17 aprile 2018, alle ore 14.45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti. Segretario la Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi”. Lo riferisce un comunicato di Palazzo Chigi. Il Consiglio dei ministri, informa la nota, ha deliberato, in tema di golden power, “di esercitare i poteri speciali, mediante l’imposizione di specifiche prescrizioni, in relazione all’operazione, notificata dalle società Avio S.p.a. e Ge Avio S.r.l., per la concessione alla società ArianeGroup GmBh di una licenza d’uso relativa allo sviluppo di materiale aerospaziale, nell’ambito di un programma di ricerca congiunto con alcuni partner europei”.

Il Cdm ha inoltre deciso “la modifica delle prescrizioni e delle condizioni imposte con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 19 ottobre 2017, relativamente all’esercizio dei poteri speciali, con imposizione di specifiche prescrizioni e condizioni, nei confronti di Piaggio Aero, PAC-Investements SA, MDC PA Cooperatief U.A. e MUBADALA Development Company PJSC e NewCo., in relazione all’operazione di vendita del ramo d’azienda EVO”.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, ha inoltre deliberato, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, in ragione delle riscontrate significative ingerenze da parte della criminalità organizzata, lo scioglimento del Consiglio comunale di Calvizzano (Napoli) e il contestuale affidamento della sua gestione a una commissione straordinaria; * l’affidamento a una commissione straordinaria della gestione del Comune di Strongoli (Crotone), già sciolto in via amministrativa”.

In materia di leggi regionali, il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha esaminato tre leggi regionali e ha quindi deliberato di impugnare: 1. la legge della Regione Sicilia n. 1 dell’8/02/2018, recante “Variazione di denominazione dei comuni termali”, in quanto la legge modifica la denominazione dei Comuni senza la necessaria consultazione delle popolazioni interessate, in violazione del principio sancito dall’articolo 133, secondo comma, della Costituzione, secondo il quale ai fini della modifica della denominazione dei Comuni deve essere preventivamente sentita la popolazione dell’intero Comune; e di non impugnare: 2. la legge della Regione Abruzzo n. 6 del 05/02/2018, recante “Disposizioni finanziarie per la redazione del Bilancio di previsione finanziario 2018-2020 della Regione Abruzzo (legge di stabilità regionale 2018)”; 3. la legge della Regione Abruzzo n. 7 del 05/02/2018, recante “Bilancio di previsione finanziario 2018 – 2020”. Infine, il Consiglio dei ministri ha deliberato la rinuncia parziale all’impugnativa della legge della Provincia di Bolzano n.14 del 20/06/2016, recante “Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione”. Il Consiglio dei ministri è terminato alle ore 15.00.

Notizie correlate