Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Lombardia/Milano, Governo

Gentiloni: l’Italia non può permettersi di andare fuori strada

Dal Salone del Mobile, il premier lancia un monito alle forze politiche ma anche a imprese e sindacati: "Non è tempo per le indifferenze, la responsabilità è di tutti". "L'economia ricomincia a tirare, merito innanzitutto di famiglie, aziende e comunità"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

“L’Italia ha fatto una strada importante in questi anni: deve continuare, non può permettersi di andare fuori strada”. È il messaggio forte che il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, lancia dal Salone internazionale del Mobile, ospitato dalla Fiera di Milano. Il messaggio di Gentiloni non è rivolto solo alla politica e alle istituzioni: “Non è tempo per le indifferenze”, dice, rivolgendosi anche a imprese e sindacati. “La responsabilità di non andare fuori strada non è solo di chi ha la responsabilità di governare, è di tutti: il Salone ce lo ricorda in modo forte e chiaro”.

Per Gentiloni, il Salone del Mobile è “una delle occasioni in cui l’Italia mostra molte delle sue potenzialità, il che vale in particolare per la Lombardia e per Milano, che in occasioni simili “mostrano la loro energia e la capacità di fare imprese”. Il settore, rammenta il presidente del Consiglio, coinvolge 79mila imprese e centinaia di migliaia di persone che vi lavorano, comprese quelle che risiedono nelle zone colpite dal terremoto, a partire dalle Marche (“mai cancellare dalle priorità del governo l’attenzione a quelle zone”, fa presente Gentiloni).

Nell’anno passato, il settore del mobile ha contribuito per7,5 miliardi al saldo positivo della bilancia dei pagamenti, sottolinea Gentiloni. Un contributo rilevante, che testimonia il successo del settore “dentro il successo più generale del Made in Italy e di tutta la nostra comunità”. Gentiloni nota con soddisfazione che “si vede l’economia ricominciare a tirare”. Ma se ciò avviene, i meriti sono innanzitutto di famiglie, imprese e comunità: “I governi possono aiutare o danneggiare le dinamiche, ma non sono dinamiche create dall’alto, da questo o quel provvedimento”. Tra i contributi positivi forniti in questi anni dal governo, Gentiloni cita i 400 milioni per il piano di rafforzamento del Made in Italy, un record storico”.

Notizie correlate