Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Giochi

Distante (Sapar): Entro il 30 aprile diecimila slot in meno in Puglia

Si attende l’emanazione del decreto attuativo sull’intesa raggiunta a settembre 2017 tra Stato e Regioni
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

L’intesa raggiunta a settembre 2017 tra Stato-Regioni in materia di gioco pubblico attende l’emanazione definitiva del decreto. Il documento programmatico dovrà essere tradotto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in un apposito decreto ministeriale che in via definitiva dovrà disciplinare le caratteristiche dei locali che possono installare gli apparecchi da intrattenimento, nonché le modalità con le quali Regioni ed Enti locali possano partecipare alla definizione delle regole per la loro installazione. “Nel frattempo si sta procedendo con la riduzione delle slot, intervento attuato in due fasi anche in Puglia – spiegato Domenico Distante, confermato nei giorni scorsi alla presidenza della delegazione regionale della Sapar (Servizi Apparecchi per le Pubbliche Attrazioni Ricreative) -: la prima portata a termine il 31 dicembre scorso e la seconda prevista entro il 30 aprile 2018 che vedrà la consistente riduzione di circa diecimila apparecchi rispetto ai 30mila esistenti. Un ragionevole punto di equilibrio tra tutte le diverse esigenze condiviso dagli operatori del settore e che punta a raggiungere diversi obiettivi: contrastare la criminalità organizzata, ridurre i volumi di gioco e tutelare i livelli occupazionali in quella che è considerata la terza industria in Italia”.


“L’intesa– ha aggiunto Distante – dovrebbe garantire una maggiore omogeneità alla legislazione del gioco in Italia con l’intento di raggiungere un accettabile punto di equilibrio tra accresciute esigenze sociali e lo sviluppo del settore. In attesa del decreto – ha concluso Distante -confidiamo nel buon senso di Regioni e Comuni nell’interesse collettivo volto a tutelare le attività esistenti, salvaguardare i posti di lavoro (300mila in Italia) e gli investimenti attuati, oltre ad arginare la diffusione del gioco illegale”.

Notizie correlate