Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Pensioni: Damiano, no a pretesa Ue di penalizzare pensionati

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di com/rog

“Non bastava il Fondo Monetario Internazionale, adesso l’attacco alle pensioni è partito anche dalla Commissione europea”. Così in una nota Cesare Damiano. “Se in campagna elettorale – spiega – la Lega ha promesso di ‘abolire la Fornero’, dall’Europa giunge il messaggio contrario: bisogna nuovamente alzare l’età pensionabile. Due opposti estremismi ai quali occorre rispondere con proposte concrete e realizzabili. In primo luogo, va respinta con forza la pretesa dell’Europa di penalizzare nuovamente i pensionati allo scopo di fare cassa. I dati sui quali si basano gli avversari dello Stato sociale sono semplicemente falsi”.


“Il peso della spesa pensionistica sul Pil non è del 16% ma del 12%, – prosegue Damiano – se il calcolo viene depurato dai costi dell’assistenza e dalle tasse che i pensionati pagano ogni anno, che ammontano a 43 miliardi di euro. Non solo: concentrarsi sulla riforma Fornero e ignorare tutte quelle precedenti (Maroni, Damiano e Sacconi), non consente di valutare appieno la portata degli interventi di riforma fin qui realizzati. La relazione tecnica del Governo al DEF del 2015 ha precisato la portata dei risparmi: ‘Grazie alle riforme Maroni, 2004, Damiano, 2007, Sacconi, 2011, e Fornero, 2012, cumulativamente la minore incidenza della spesa in rapporto al PIL ammonta a circa 60 punti (900 miliardi di euro) dal 2004 fino al 2050. Tale effetto è da ascrivere per circa 1/3 alla riforma Fornero e per 2/3 a quelle precedenti’.


Come si vede, una montagna di risorse, che corrisponde al 40% del totale del nostro debito pubblico. Chi pretende di spremere altre risorse dalle pensioni è semplicemente folle”.“L’obiettivo è di nuovo la reversibilità, la quattordicesima e il ricalcolo degli assegni di chi è andat o in pensione con il sistema retributivo: tutte pretese che vanno respinte al mittente. Sia che si tratti dell’FMI, sia che si tratti della Commissione europea”, conclude Damiano.

Notizie correlate