Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Borrelli: ” Revoca patria potestà per affiliati clan Elia, modello da seguire”

Il con sigliere regionale propone di estendere questa pena accessoria e intervenire anche subito dopo la nascita sottraendo i bambini alle famiglie criminali
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“La revoca della patria potestà come pena accessoria per gli spacciatori del clan Elia che usavano i figli per confezionare e vendere droga deve essere presa a esempio in tutti i casi simili perché solo allontanando i minori dalle famiglie camorriste possiamo dargli una speranza di vita diversa”. Lo ha chiesto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che da tempo chiede la revoca della patria potestà “per i minori che vivono in famiglie che vivono nell’illegalità e fanno crescere anche i figli in quel clima preparandoli a una vita da criminali – ha proseguito – Bisogna intervenire al più presto, addirittura subito dopo la nascita nei casi più gravi, perché lasciare dei bambini in famiglie composte solo da camorristi significa condannarli a una vita da camorristi – ha aggiunto Borrelli – serve un intervento del Parlamento per rendere più facile l’applicazione della pena accessoria della revoca della patria potestà per togliere manovalanza alla criminalità e dare una speranza di vita migliore a tanti bambini colpevoli solo di essere nati nelle famiglie sbagliate”.