Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Lotta al terrorismo

Lotta al terrorismo, Francia: 1.500 alloggi isolati nelle carceri per i detenuti radicalizzati

L'iniziativa fa parte di un piano nazionale di 60 punti contro il fenomeno e i crimini associati
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di Velino International

Le capacità delle carceri francesi saranno rafforzate da ulteriori alloggi isolati per 1.500 detenuti radicalizzati, come parte di un piano nazionale contro il fenomeno. Lo ha annunciato il primo ministro Edouard Philippe. “Il ministro della Giustizia, Nicole Belloubet, sta anche lavorando nell’ambito delle procedure carcerarie legate all’accoglienza di persone radicalizzate, vale a dire, coloro che tornano dalla Siria e dall’Iraq – ha affermato in un post sul suo account Twitter -. Saranno installati 1.500 posti nelle carceri in sezioni isolate, riservati in esclusiva ai detenuti radicalizzati”. Secondo Philippe, 450 di questi saranno disponibili entro la fine dell’anno. Il ministro ha tenuto un discorso nella città di Lille, in cui ha svelato diversi aspetti del piano nazionale di 60 punti contro la radicalizzazione e i crimini associati. Oltre alle rafforzate capacità penitenziarie, Philippe ha menzionato la necessità di concentrarsi sull’educazione, come mezzo di prevenzione del fenomeno. La proposta di ampliare le capacità delle carceri arriva un mese dopo un’ondata di scioperi delle guardie carcerarie, che si è svolta in tutta la Francia. Lo staff richiedeva migliori condizioni di sicurezza sul posto di lavoro, compresa la protezione contro i detenuti radicalizzati. All’inizio di gennaio, uno di loro ha ferito diversi impiegati in un penitenziario nel nord della Francia.

French prisons’ capacities will be boosted by additional isolated lodgings for 1,500 radicalized inmates as part of a national anti-radicalization plan, French Prime Minister Edouard Philippe said. “Minister of Justice, Nicole Belloubet, is also working within the scope of prison procedures related to the accommodation of radicalized people, namely, those who return from Syria and Iraq; 1,500 spots will be set up [in prisons] in isolated sections, exclusively reserved for the radicalized detainees,” the minister said Friday in a statement, as posted on his Twitter account. According to Philippe, 450 of those spots will be available by the end of this year. The minister made a speech in the city of Lille to unveil several aspects of the 60-point national plan against radicalization and associated crimes. Apart from the additional prison capacities, Philippe mentioned the need to focus on education, as a means of prevention of radicalization. The proposal on enlarging prisons’ capacity comes a month after a wave of strikes of prison guards that took place across France. The prison staff demanded better safety conditions at work, including the protection against radicalized inmates. In early January, such an inmate injured several prison employees in northern France.

Notizie correlate