Accedi

Ambiente ed Energia, Ambiente

Terra dei fuochi, contrasto al fenomeno dei roghi nel casertano: in campo polizia, esercito, carabinieri, Guardia di finanza

Per il controllo speciale del territorio anche Arpac e polizia locale
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Operazione di controllo straordinario del territorio del comune di Mondragone e comuni limitrofi in provincia di Caserta, disposta dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio. In campo 30 equipaggi, per un totale di circa 90 unità appartenenti al raggruppamento “Campania” dell’E.I., al Commissariato P S di Castel Volturno, alla Compagnia C.C. di Mondragone, al Comando Compagnia di Mondragone della G. d. F.; al Reparto Operativo Aeronavale della G. d. F. di Napoli, nonché funzionari dell’ARPAC, del Comando della Polizia locale di Mondragone e della Polizia Provinciale di Caserta. Al fine di verificare il rispetto della normativa in materia ambientale, sono stati effettuati controlli presso: 7 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 4, prive delle previste autorizzazioni per lo smaltimento di rifiuti speciali e pericolosi, sono state sottoposte a sequestro penale e i titolari denunciati all’Autorità Giudiziaria. Uno di tali siti veniva anche utilizzato per bruciare il materiale plastico di scarto; sono state inoltre comminate sanzioni amministrative per circa 40.000 Euro e sequestrati 2 veicoli adibiti al trasporto di materiali di risulta. L’attività di accertamento ha consentito di verificare anche la presenza di 4 lavoratori in nero. Due terreni, uno dei quali è stato sottoposto a sequestro in quanto sullo stesso sono stati rinvenuti rifiuti pericolosi; il proprietario è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Un complesso di 3 palazzine, all’interno del quale, su un’area di circa 1000 mq, si svolgevano attività di raccolta e smaltimento illecito di rifiuti speciali e pericolosi (RAEE, autoveicoli, camion, scarti di lavorazioni dell’industria calzaturiera, materassi e mobili, matasse di cavi elettrici verosimilmente di origine furtiva) provenienti da aziende che lavorano in nero. Uno degli edifici veniva utilizzato come luogo di combustione; 4 le persone identificate e 1 denunciata a piede libero.

 

Nel corso dell’operazione straordinaria di controllo del territorio sono state, inoltre, identificate 27 persone, controllati 20 veicoli e comminata una sanzione amministrativa per illecito smaltimento di rifiuti. I risultati, seppur ancora parziali in quanto l’attività di controllo è ancora in corso, sono il frutto della nuova modalità operativa di contrasto, promossa dall’Incaricato e approvata dai Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica di Napoli e Caserta, basata su azioni coordinate di controllo del territorio alle quali concorrono, con l’Esercito e le Forze dell’Ordine, anche le Polizie Locali.