Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Difesa

Pinotti: Daesh sradicato ma non del tutto debellato

A Villa Madama riunione a composizione ristretta dei ministri della Difesa dei membri della Coalizione internazionale antiterrorismo
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

“La nostra attenzione deve concentrarsi sul futuro della Coalizione, sulla sua evoluzione e prospettive. E’ il momento di avviare una riflessione di respiro politico e strategico sul futuro della nostra lotta al terrorismo jihadista, ora che Daesh è stato sradicato nella sua dimensione territoriale, ma non ancora del tutto debellato nella sua ideologia di morte e nella sua presa propagandistica. Anzi, per molti aspetti, si apre una nuova, impegnativa fase che richiederà sforzi diversi, ma non meno impegnativi”. È quanto ha detto il Ministro Pinotti nel suo intervento di apertura alla 6^ ministeriale anti Daesh che si è tenuta a Roma in formato ristretto. I lavori sono stati co presieduti con il Segretario della Difesa statunitense, Gen. James Mattis. A Villa Madama, 15 i ministri presenti: Italia, Australia, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Iraq e Turchia. Durante l’incontro è stato fatto un aggiornamento del quadro di riferimento politico-strategico della coalizione. Molta attenzione è stata posta sulla ricostruzione e la stabilizzazione delle aree colpite da Daesh. L’Iraq ha voluto ringraziare la coalizione e in modo particolare l’Italia per l’importante contributo dato alla lotta al terrorismo e alla formazione dei militari e delle forze di polizia a Bagdad, ad Erbil e a Mosul.  

L’Italia anche per il 2018 garantirà il proprio impegno in Iraq all’interno della Coalizione, riducendo di circa la metà il proprio dispositivo militare sulla base degli sviluppi della situazione della sicurezza e alle necessità irachene e sulla base dei futuri obiettivi concordati nel corso della ministeriale odierna. In Iraq, l’Italia ha contribuito in maniera sostanziale alla sconfitta del Daesh, attraverso la ricostruzione delle forze di sicurezza irachene, inclusa la componente curda. L’attuale scenario consente di avviare una significativa riduzione del contingente nazionale (attualmente composto da circa 1.500 militari) che potrà essere all’incirca dimezzato. La riunione odierna avviene in concomitanza con l’incontro tra i responsabili della diplomazia a Kuwait City, vertice al quale partecipano tutti i Ministri degli Esteri e i dirigenti dei 74 partner della Coalizione.

 

 

Notizie correlate