Accedi

Campania, Politica

Sanità, Longobardi: “Tutelare laboratori di analisi campani”

“Contratti di rete per rispettare processo di aggregazione “
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Oggi con De Luca ho incontrato una cospicua rappresentanza dei laboratori di analisi clinica. In Campania da sempre i laboratori rappresentano una significativa parte del comparto sanitario e garantiscono efficienza, economicità ed efficacia delle prestazioni, grazie ad una presenza capillare sul territorio regionale.
Così come imposto da leggi nazionali e dall’accordo Stato-Regione, con i successivi decreti commissariali, il processo di riorganizzazione del comparto e le procedure di aggregazione delle strutture di laboratorio prevede il raggiungimento di un numero minimo di 200mila prestazioni annue quale parametro quali-quantitativo richiesto per ottimizzare la risposta sanitaria e l’attività gestionale dei laboratori.
I modelli di aggregazione previsti dalla normativa nazionale ed adottati in molte regioni italiani prevedono varie tipologie di accorpamento (riconosciute dalla normativa vigente e dal codice civile) che uniscono l’esigenza di rispettare la soglia minima annuale di prestazioni ed il mantenimento dei livelli occupazionali, senza determinare alcun danno alle attività e alle aziende coinvolte nel processo di riorganizzare.
Proprio in Campania, così come avvenuto in Puglia ed in Calabria, per evitare la chiusura di numerose attività con conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro, senza comunque determinare risparmi economici, stiamo lavorando da tempo per arrivare ad adottare forme innovative di aggregazione come i “Contratti di Rete” tra i laboratori.
Tale nuovo modello di accorpamento consentirebbe sia il mantenimento dell’autonomia delle strutture nella fase analitica completa (ovvero la possibilità di continuare ad erogare le prestazioni di laboratorio fino ad oggi effettuate) sia la necessità di adempiere a quanto previsto dalla norme, ovvero procedere all’aggregazione giuridica delle strutture.
Proprio per meglio strutturare questa nuova proposta di aggregazione, con il Presidente Vincenzo De Luca, abbiamo lavorato ad una proroga tecnica che fissa ad aprile 2018 il termine per completare tutti gli adempimenti utili e dare stabilità ad un comparto quale quello dei laboratori di analisi cliniche, che nonostante le incredibili difficoltà continuano ogni giorno a garantire qualità e una risposta assistenziale certa a favore di tutti i Campani“. Così in una nota Consigliere Regionale della Campania, On. Alfonso Longobardi, Vicepresidente della Commissione Bilancio.