Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Cronaca

Napoli, Polizia controlla baby gang a Torre Annunziata: 14enne nascondeva replica di pistola con caricatore

Il più giovane del gruppo è nipote di un noto pregiudicato del luogo
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Una baby-gang, composta da giovanissimi di età compresa tra i 14 ed i 17 anni, è stata intercettata e bloccata dalla Polizia di Stato, nella serata di ieri, in Torre Annunziata.

Gli agenti della sezione volanti del Commissariato di P.S. “Torre Annunziata”, dopo gli ultimi episodi criminosi, noti come “stese”, hanno effettuato dei servizi di controllo straordinario del territorio, soprattutto, in quella che è l’area dell’edilizia popolare conosciuta come il quartiere “Provolera”.

Nel transitare all’interno del quartiere, infatti, i poliziotti si sono imbattuti in due scooter, a bordo dei quali vi erano i 4 giovani che, alla loro vista, hanno invertito il senso di marcia per fuggire da un eventuale controllo.

Prontamente raggiunti, i ragazzi sono stati bloccati ed identificati, scoprendo che il più giovane del gruppo, nipote di un noto pregiudicato del luogo, occultava tra le gambe,  una pistola in metallo modello 92, perfetta replica di un’arma da sparo, del tipo calibro 9×21, completa di caricatore, al cui interno vi erano 5 cartucce a salve, di cui una alloggiata in camera di scoppio.

I due conducenti, sprovvisti della patente di guida, perché mai conseguita, nonché della prescritta copertura assicurativa, sono stati sanzionati ai sensi del Codice della Strada, con il conseguente sequestro amministrativo dei due ciclomotori.

Nell’ambito dei controlli, inoltre, sono state identificate numerose persone ed elevate contestazioni, in violazione del Codice della Strada, per un importo di circa 12.000,00.

Bloccato dai poliziotti e denunciato in stato di libertà, in Via Gino Alfani, anche un pregiudicato 49enne, responsabile del reato di furto aggravato, in quanto si era impossessato di un’autoradio Pioneer da un’autovettura in sosta.