Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Banche, Civati: governo sembra bad bank centrosinistra

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di red/ala

“La commissione banche, che è arrivata tardissimo nonostante fosse stata minacciata un secolo fa, va concludendo il proprio lavoro. Il partito del governo, attraverso i suoi massimi vertici, rivendica la grande operazione politica condotta, per coprire l’evidente disastro che li ha riguardati: mentre minacciavano di sovvertire il sistema, si sono sovvertiti da soli”. Lo scrive sul suo blog il segretario di Possibile, Pippo Civati, esponente di Liberi e Uguali.

“E pensare – aggiunge Civati – che quella classe dirigente aveva minacciato di eliminare gli ‘amici degli amici’ dalla politica italiana: in effetti non erano gli amici degli amici, erano gli amici e basta, come si vede dall’arrivo, dulcis in fundo, del prode Carrai a chiudere il cerchio. Agli occhi di chi nel 2013 aveva votato il centrosinistra questo partito del governo con la sua coalizione, che si conferma nella proposta elettorale, assomiglia a una bad bank, un partito di amici pieno di nemici, ossessionato dal potere e totalmente incapace di mettersi in discussione, in cui i valori costitutivi si sono persi e confusi e rimangono solo sentimenti di rancore e di frustrazione”.

“Qualcuno – conclude il leader di Possibile – ricorderà che quando Renzi divenne presidente del Consiglio si parlava dell’immediata approvazione del conflitto di interessi, questione che nessuno aveva affrontato prima di allora con il necessario vigore. Non c’è la legge, in compenso c’è il conflitto di interessi. Non quello di Berlusconi e di Verdini, l’amico Verdini, ma il loro, il conflitto di interessi della bad bank della politica italiana. La degna conclusione di una legislatura-vergogna”.