Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Arrestato in Spagna Igor il russo

La cattura è avvenuta a seguito di un conflitto a fuoco in cui sarebbero rimaste uccise tre persone tra cui due agenti della Guardia Civil
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Norbert Feher alias Igor Vaclavic, conosciuto come ‘Igor il russo’ e responsabile di due omicidi in Emilia-Romagna lo scorso maggio, è stato arrestato in Spagna. La cattura è avvenuta a seguito di un conflitto a fuoco in cui sarebbero rimaste uccise tre persone tra cui due agenti della Guardia Civil. La conferma che l’uomo fermato in Spagna e’ proprio Norbert Feher, il killer di Budrio in fuga da mesi, èarrivata dalla Scientifica della Polizia di Stato. Attraverso Interpol, le impronte digitali dell’uomo sono state trasmesse a Roma ai laboratori del Servizio diretto da Luigi Carnevale: il confronto con le impronte di Igor il russo conservate nella banca dati Afis ha dato esito positivo. “Un ringraziamento alle autorità spagnole, all’Arma dei carabinieri e il pensiero va alle vittime di Budrio e alle vittime in Spagna”Così  il ministro dell’Interno Marco Minniti, oggi a Rimini in prefettura per la firma del “Patto per la sicurezza avanzata”, ha commentato la notizia.

I Carabinieri del comando provinciale di Bologna specificano che la località nella quale sono accaduti gli avvenimenti si trova nella zone di El Ventorrillo, compresa tra le città di Terruel in Andorra ed Albalete del Arzobispo. La procura della Repubblica di Bologna, coordinando i carabinieri del Ros e del comando provinciale di Bologna e Ferrara, aveva gia’ da tempo avviato mirata attivita’ rogatoriale in Spagna, avendo avuto riscontro a seguito delle indagini svolte della presenza del latitante. In questa prospettiva, oltre a specifiche attivita’ in Serbia, Austria e Francia (grazie alla fruttuosa collaborazione ed alla grande disponibilita’ degli organi competenti) si erano svolti numerosi incontri di coordinamento con le autorita’ di polizia spagnole, sin dall’estate, anche con trasferte ed attivita’ tecniche e dinamiche direttamente svolte sul territorio spagnolo, di concerto con gli organi di polizia spagnoli. Tali attivita’ sono state peraltro agevolate dalle attivita’ di coordinamento di Eurojust e di supporto della Dcsa.