Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Gioco d'azzardo

Benvenuto (Lega): finora lavorato poco e male, a rimetterci esercenti

Il consigliere regionale piemontese: Chiamparino e il Pd hanno purtroppo atteso l'ultimo minuto utile per occuparsi del problema
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

“Il piano integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico non è ancora stato approvato. L’articolo 3 della legge regionale 9/2016 prevede che il suddetto piano debba essere adottato entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge e cioè ben prima del termine di 18 mesi concesso agli esercenti per adeguarsi alle distanze dai luoghi sensibili e previsto dall’articolo 13, comma 1″: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale piemontese della Lega Nord, interviene nel corso del dibattito in aula su gioco d’azzardo e ludopatia.

”La Lega, conscia della gravità del problema, ha votato a favore della legge regionale sulla ludopatia – sottolinea Benvenuto -, ma non si può continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto. Il paradosso è che oggi un cittadino può tranquillamente sperperare il proprio denaro in un qualsiasi casinò online, in barba alla legge regionale che sa tanto di retorica e nulla più. Chiamparino e il Pd – conclude il consigliere leghista – hanno purtroppo atteso l’ultimo minuto utile per occuparsi del problema. Basti pensare che quando un mese fa abbiamo provato a sottoporre la questione all’aula durante la discussione dell’omnibus, ci è stato chiesto di ritirare l’emendamento. Il punto è che sul tema finora il Partito Democratico ha lavorato poco e male  e oggi gli esercenti si trovano, loro malgrado, in un limbo che si poteva evitare”.

Notizie correlate