Accedi

Politica

Regionale Calabria, Consiglio dà ok per assestamento bilanci

Regionale Calabria, Consiglio dà ok per assestamento bilanci
Reggio Calabria, 14 novembre 2017 - 18:51
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino

Il consiglio regionale ha approvato a maggioranza il rendiconto generale 2016 della Regione e gli assestamenti dei bilanci di previsione 2017-2019 di giunta e Consiglio. I residui attivi, alla chiusura dell’esercizio finanziario 2016, ammontano a 3 miliardi e 790mila, quelli passivi sono di due miliardi e 719mila euro. La situazione patrimoniale complessiva, al 31 dicembre 2016, è stabilita in sette miliardi e 191 milioni. Quanto alla manovra di assestamento, ammonta complessivamente a 153 milioni di euro. La parte discrezionale soggetta alle decisioni di giunta e consiglio è di soli 77 milioni, di cui 48 afferiscono a maggiori entrate riscosse e accertate nel corso dell’esercizio 2017 e 29 milioni frutto di minori spese. I provvedimenti sono stati illustrati dal presidente della commissione Bilancio Giuseppe Aieta e dal segretario-questore del Consiglio Giuseppe Neri. L’assessore al Bilancio e vicepresidente della giunta ha ricordato in aula la parifica del rendiconto e la “cessione di 27 milioni di derivati”. “Con questa legge – ha detto ancora – diamo seguito alle prescrizioni della Corte dei Conti, la cui relazione ha comunque sollecitato il miglioramento dei flussi informativi, della gestione del patrimonio e di alcune tipologie contrattuali presenti in Regione”. Fausto Orsomarso (Misto) ha rilevato in aula che “a parte i primi sei mesi di legislatura, la maggioranza in commissione Bilancio è in realtà minoranza, dal momento che il numero legale è mantenuto dalla mia presenza responsabile. È grave che una delle commissioni più importanti della Regione non abbia i numeri per riunirsi”. Alessandro Nicolò (Forza Italia) auspica invece “un ascolto delle parti sociali” per le modifiche al bilancio previsionale. “Siamo a metà novembre e stiamo approvando l’assestamento quando dovremmo procedere al previsionale 2018”, ha osservato Viscomi nel corso del suo secondo intervento. “È noto – ha proseguito – che questo slittamento è dovuto al ritardo nella celebrazione dell’udienza di parifica della Corte dei conti. Da qui a un mese il Consiglio sarà comunque chiamato a pronunciarsi sul bilancio 2018”. Quanto alla parte discrezionale nella disponibilità della giunta, “più della metà – ha rilevato Viscomi – deriva dal contrasto all’evasione fiscale”. Il bilancio della Regione, inoltre, “continua a essere ancora gestibile in termini di prudenza così come prescritto dalla Corte dei conti”.