Accedi

Campania, Politica

Napoli, De Giovanni su Galleria Laziale chiusa: “Si elimini la pista ciclabile dalla Galleria 4 Giornate”

L'allarme del presidente Prima Municipalità
Napoli, 14 novembre 2017 - 18:29
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino

“La chiusura della Galleria Laziale è l’ennesima scure che si abbatte sulla già disastrata mobilità cittadina. Riceviamo quotidiane lamentele e vibrate proteste da un’utenza oramai esasperata”. A dichiararlo il presidente della Municipalità I, Francesco de Giovanni. È gravissimo – attacca de Giovanni – che si stia intervenendo, almeno si spera, soltanto ora. Ed è ancor più grave che durante le lavorazioni di pulizia della volta nessuno abbia lanciato l’allarme, ma che sia stato un semplice cittadino di passaggio, che certamente va ringraziato. È ora fondamentale aprire in doppio senso la Galleria 4 Giornate, eliminando la ridicola pista ciclabile ed il cantiere della Linea 6, lato Mergellina”. In campo con de Giovanni, anche l’assessore Fabio Chiosi: “In tal senso abbiamo inviato, questa mattina, una nota all’assessore Calabrese – incalzano – I signori di San Giacomo ci evitino il teatrino tra loro e pensino a risolvere il problema di decine di migliaia di cittadini. Litigano dinanzi alle telecamere, invece di nascondersi per la vergogna, dimenticando, sia l’assessore Calabrese che il consigliere Simeone, sono due esponenti della peggior amministrazione della storia, che ha portato Napoli anche al fallimento economico. La smettano. Si assumano la responsabilità e, se davvero vogliono il bene della città facciano in modo da far dimettere in primis il sindaco. Da anni, anche con l’associazionismo civico, lanciamo l’allarme per le gallerie cittadine che non sono a norma. E questi sono i risultati. Tra l’altro abbiamo notato che all’esterno della Galleria Laziale, lato Sannazaro, vi è un terrapieno sostenuto da un muro di tufo in pessime condizioni. Lanciamo l’allarme anche su questo chiedendo urgentissima verifica. Si preparino i signori di San Giacomo ad aprire al traffico il tanto amato lungomare “libberato” perché tra poco, ragionevolmente, toccherà anche alla Galleria della Vittoria. Purtroppo – concludono de Giovanni e Chiosi – ci vorranno decenni per riparare i danni prodotti dagli arancioni. Prima vanno via e meglio sarà, per il bene della città”.