Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Varese, arrestato un cittadino italiano per furto aggravato

Tentato furto e resistenza Pubblico Ufficiale
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

La sera dell’8 novembre scorso, nell’ambito dell’ordinario servizio di controllo del territorio, personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto un cittadino italiano di 57 anni poiché colto nella flagranza del reato di furto aggravato, tentato furto e resistenza a P.U. L’operazione è iniziata grazie a una segnalazione giunta alla locale Sala Operativa da parte di un cittadino che aveva notato la presenza di un’auto sospetta nella zona boschiva di Cartabbia a Varese. La nota diramata via radio allertava le pattuglie in servizio, convogliando nel luogo segnalato il personale della Squadra Volante e un equipaggio della Squadra Mobile impegnato nel contrasto al crimine diffuso. Gli agenti individuavano subito il veicolo indicato, parzialmente nascosto da una siepe e senza nessuno a bordo. Il personale in “borghese”, seguito dai colleghi in uniforme, si avvicinava per primo al fine di accertare cosa stesse succedendo, quando da uno dei cespugli vicini all’auto fuoriusciva un soggetto che tentava di darsi alla fuga correndo verso il bosco. Il fuggitivo veniva immediatamente raggiunto poiché accortosi troppo tardi della presenza dei poliziotti. Appena bloccato, l’uomo opponeva un’attiva resistenza per sottrarsi al controllo che veniva comunque vinta dagli agenti senza che nessuno si facesse male. La perquisizione personale del fuggitivo chiariva il perché della sua reazione: lo stesso veniva trovato in possesso di un paio di guanti da lavoro, un passamontagna, un tronchesino, una torcia a led e un binocolo, tutti oggetti che indicavano inequivocabilmente ai poliziotti di aver interrotto un’azione criminosa. Venivano pertanto controllati i fabbricati della zona e tra questi individuate cinque casette, tutte adibite dai rispettivi proprietari a deposito, le cui porte erano state forzate e i lucchetti di chiusura recisi con il tronchesino. Nell’immediatezza, venivano rintracciati due dei cinque proprietari delle case e uno di loro riconosceva il binocolo rinvenuto in possesso del ladro come di sua proprietà. A questo punto appariva chiaro che l’uomo fermato, identificato per un cittadino italiano pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, aveva appena consumato un furto e si stava apprestando a impossessarsi di altri oggetti di proprietà dei malcapitati proprietari delle casette individuate. Ulteriori conferme emergevano dall’autovettura di proprietà della persona fermata, una station wagon dalla quale aveva rimosso i sedili posteriori trasformandola di fatto in un autocarro pronto per essere riempito della refurtiva. Tra le siepi nei pressi del veicolo, infatti, veniva rinvenuto un mobile del ‘700 di apprezzabile valore e una pompa per il recupero dei liquidi, prima custodite nei fabbricati forzati, che apparivano asciutti nonostante la pioggia in corso, segno che il tempestivo intervento degli agenti aveva impedito al fermato di caricarlo e andarsene.

Sulla base degli elementi raccolti l’uomo veniva tratto in arresto per i reati di furto aggravato, tentato furto e resistenza a P.U. e, su disposizione del PM di turno, posto agli arresti domiciliari, ai quali è tuttora sottoposto in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria in merito ai nuovi elementi acquisiti a suo carico dalla Polizia di Stato. La mattina del giorno successivo, personale della Squadra Mobile rintracciava i proprietari delle altre casette forzate, ai quali poi veniva restituito quanto di loro proprietà era stato trovato nella disponibilità dell’arrestato. L’arresto va ascritto alle attività di contrasto ai reati predatori predisposte dalla Polizia di Stato di Varese, con l’obiettivo di intensificare la prevenzione di attività criminose con il controllo del territorio esercitato dalle Volanti. Determinante il ruolo degli uomini della Squadra Mobile, in servizio di contrasto alla criminalità diffusa i quali, agendo in borghese, riescono ad intervenire senza essere riconosciuti e a sorprendere i criminali. In questo caso, infatti, il ladro si è accorto degli agenti della Polizia di Stato quando ormai era troppo tardi, ed è stato così arrestato.

Notizie correlate