Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Giochi

Ludopatia, M5S Altamura: venerdì 27 evento contro azzardo patologico

Con Mantero "Per denunciare il silenzio attorno ad una piaga sociale"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Il Movimento 5 Stelle Altamura, a pochi mesi dal primo appuntamento legato al gioco d’azzardo patologico, organizza un evento pubblico per denunciare, nuovamente, il silenzio attorno ad una piaga sociale che sta mettendo in ginocchio intere comunita’. Venerdì 27 ottobre, ore 18.30, presso il Monastero del soccorso ( sala ex asilo Margherita). Interverranno: Matteo Mantero (M5s Camera dei deputati – commissione affari sociali); Grazia di Bari (consigliera M5s regione puglia); Pietro Masi (consigliere comunale M5s Altamura); Cecilia Milano (Referente Centro Ascolto Fornello). L’Italia è uno dei paesi europei con il maggior numero di sale slot per abitante, La Puglia e la stessa Altamura non sono immuni dalla sindrome del “vincere facile”.

Il gioco d’azzardo legalizzato è una macchina perfetta che lavora a più livelli e che nell’ultimo anno ha succhiato agli italiani 100 miliardi di euro. Ad Altamura il GAP (Gioco d’azzardo patologico) ha raggiunto livelli di guardia tali da rendere necessari l’istituzione di Centri di Ascolto ad hoc. Sale slot e sale scommesse spuntano come funghi anche a ridosso di luoghi sensibili come scuole e parrocchie, anche a causa dell’inerzia dei comuni che non recepiscono la normativa regionale. Infatti, la regione Puglia, si è dotata nel 2013 di una Legge (n.43/2013), ma in molti casi le prescrizioni previste non sono prese in carico dai comuni, come nel caso del Comune di Altamura, dove, si attende la discussione di un regolamento ad hoc, depositato in Commissione Cultura e Affari Sociali da circa un anno e mezzo. Dal gioco compulsivo non sono immuni i ragazzini, grazie anche al fatto che giocare d’azzardo è una dipendenza socialmente accettabile e questo rende il fenomeno ancora più insidioso. In Italia ci sarebbero quasi 1 milione di giocatori patologici, oltre 2 milioni di giocatori a rischio e circa 1,5 milioni di giocatori minorenni (oggi adescati soprattutto anche via web). Grazie alla presenza dei graditi ospiti il convegno cercherà di analizzare il fenomeno #azzardopatia o “gioco d’azzardo legalizzato” attraverso l’approfondimento di tre grandi contesti cardine e dipendenti l’uno dall’altro: contesto politico/economico, mediatico e socio-culturale. Auspichiamo la partecipazione di educatori, insegnanti, parroci, dirigenti scolastici.