Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Agroalimentare

Agroalimentare, interrogazione a Martina (Mipaaf): Tuteli lavoratori Agecontrol

Rizzetto: “Non legittima procedura che non garantisce dipendenti”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Se e quali iniziative intenda adottare il ministro delle Politiche agricole affinché siano prioritariamente tutelati e salvaguardati tutti i posti di lavoro di Agecontrol nel processo di accorpamento in Agea, posto che “non sarebbe legittima qualsiasi procedura che non garantisca la collocazione di tutti i lavoratori di tale agenzia pubblica”. È quanto chiede Walter Rizzetto del Movimento 5 Stelle in una interrogazione diretta al ministro Maurizio Martina in relazione all’agenzia pubblica per i controlli e le azioni comunitarie Agecontrol spa che, per conto del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e dell’Agenzia per le erogazioni in Agricoltura (Agea), effettua controlli di qualità su prodotti ortofrutticoli freschi sia nel mercato interno che nell’import/export, oltre che verifiche istruttorie, contabili e tecniche nell’agroalimentare e nei comparti interessati dagli aiuti comunitari.

“Il Governo intende accorpare Agecontrol in Agea, nell’ambito del processo di riorganizzazione di quest’ultima e del riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare – osserva Rizzetto –. È ormai da tempo che il personale a tempo indeterminato di Agecontrol, che conta più di duecento lavoratori, vive una situazione di tensione poiché non sono state previste adeguate misure per garantire la salvaguardia di tutti i posti di lavoro, nonostante tale ente sia un’agenzia pubblica. Al riguardo, sembra che i lavoratori potranno essere trasferiti in Agea solo previo superamento di una procedura di selezione in relazione al profilo professionale di destinazione e alla verifica dell’esperienza maturata in società; il personale che riceverà una valutazione positiva sarà inquadrato nei relativi ruoli. Quindi, non è dato sapere quale sarà il destino di chi eventualmente non supererà la predetta procedura selettiva che all’interrogante non appare legittima”. Secondo il pentastellato devono “essere tutelati tutti i posti di lavoro a tempo indeterminato di Agecontrol e solo in mancanza di un’oggettiva possibilità in tal senso, occorre prevedere un piano di ricollocazione in altre amministrazioni per i lavoratori, anche con l’obiettivo di non disperdere le competenze acquisite da detto personale”, ha concluso Rizzetto.

Notizie correlate