Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Longobardi: “Difendiamo e valorizziamo reparto ‘cure palliative’ al Cardarelli”

“È un'eccellenza assoluta di rilievo nazionale
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Ho visitato oggi con grande interesse il reparto di ‘Cure Palliative’ dell’Ospedale Cardarelli guidato dal Prof Montrone. Si tratta di un’eccellenza assoluta della Sanità regionale e nazionale”. Così il Consigliere regionale Alfonso Longobardi, Vicepresidente della Commissione Bilancio. “Dal 1977 è infatti un riferimento per pazienti terminali che necessitano di cure appropriate e specialistiche.  Non a caso secondo uno studio scientifico durato 10 anni il reparto del Prof Montrone genera un risparmio di circa 4 milioni di euro all’anno per l’Azienda ospedaliera ‘Cardarelli’: questo perché con le attività altamente specializzate che garantisce  a pazienti in stato terminale libera di fatto altri reparti cruciali come la terapia intensiva e la rianimazione dove l’assistenza sanitaria ha tutt’altra caratteristiche ed ha altri costi necessari rispetto alle cure palliative.  Probabilmente per una serie di disguidi burocratici ed amministrativi che si sono generati negli anni oggi questa assoluta eccellenza italiana della Nostra sanità regionale è a rischio e i suoi posti letto vanno difesi. Con la massima sinergia istituzionale tra Commissariato Sanità, Regione Campania, Azienda ospedaliera e Asl Napoli 1 occorre trovare la migliore soluzione possibile per difendere il Cardarelli ed il reparto di ‘Cure Palliative’ che va considerato come il fulcro delle attività assistenziali in materia.  Nei prossimi giorni mi attivero’ presso tutte le articolazioni istituzionali interessate affinché si possa superare l’impasse amministrativa che ha creato equivoci comunque superabili e risolvibili. Abbiamo dinanzi a noi sfide importanti ma insieme al Presidente De Luca riusciremo a portare la Sanità ad elevati standard di qualità ponendo il cittadino/paziente al centro della programmazione”.