Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Turismo

Turismo: abusivismo mette in crisi guide turistiche

Osservatorio di Confguide: cartelli “free tours” o “greeters” intercettano l’attenzione e la buona fede dei visitatori inconsapevoli
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione

Come il caldo, anche la stagione turistica quest’anno è iniziata presto e con numeri molto interessanti: le città d’arte ed i borghi più rinomati vedono l’arrivo di grandi flussi di turisti sia italiani sia internazionali. Questa pacifica invasione, misurabile al 3% sull’incremento degli arrivi italiani e stranieri che già si registrava per Pasqua (+ 2,5%), porta con sé anche alcuni segnali d’allarme, soprattutto per il dilagante abusivismo che mette gli ignari turisti nelle mani di sedicenti “guide turistiche” e la cui denuncia – segnala l’Osservatorio di Confguide, una delle importanti ed attive Associazioni di professionisti aderenti a Confcommercio Professioni – nell’ultimo mese è cresciuta del 29%. Il fenomeno è presente infatti in tutte le piazze d’Italia e ad ingannare il visitatore sono espressioni accattivanti come, ad esempio, “free tours” o “greeters” che intercettano l’attenzione e la buona fede dei visitatori inconsapevoli.

Il servizio è generalmente di bassa qualità e non all’altezza e le forme di pubblicità fastidiose e ingannevoli. Invece, “c’è un mondo di bellezza, arte, cultura, storia che solo le guide turistiche abilitate, con la loro competenza e passione, sono in grado di offrire ai visitatori”, come afferma Paola Migliosi, Presidente di ConfGuide, la Federazione delle Guide Turistiche di Confcommercio. A tutela dei visitatori e dell’immagine della bellezza dell’Italia nel mondo (prima ancora che delle stesse guide turistiche), è necessario che gli organi deputati al controllo contrastino fermamente ogni forma di abusivismo. “Le guide turistiche per professione sono abituate a prendere per mano ogni tipologia di visitatore e condurlo alla scoperta dell’immenso patrimonio storico e artistico italiano, lasciandogli la voglia di tornare, ripetere e suggerire l’esperienza con enorme beneficio per tutta la filiera turistica”, ha concluso Valeria Gerli, vicepresidente vicario nazionale ConfGuide.